Newsletter del 13.03.2019

Notizie di attualità del 13.03.2019

Formazione professionale di base

13.03.2019

Mozione sull'inizio della scuola reclute e la conclusione della formazione professionale di base

L'inizio della scuola reclute estiva è stato anticipato, di conseguenza si sovrappone alla fine del tirocinio. La mozione 18.4280 chiede che la pianificazione dell'esercito tenga conto della formazione professionale. Il Consiglio federale ritiene che, sotto il profilo temporale, l'istruzione militare di base sia concretizzata in modo tale da incidere il meno possibile sul calendario della formazione professionale e su quello del mondo accademico. Attualmente l'esercito sta tuttavia valutando soluzioni per venire incontro alle aziende formatrici nel quadro dell'ordinamento giuridico in vigore.
Si veda anche il Promemoria CSFO no. 17

13.03.2019

UST: allievi e studenti 2017/2018

Nell'anno scolastico 2017/2018, l'UST ha censito complessivamente 1,37 milioni di allievi e studenti di tutti i livelli di formazione. Secondo le statistiche aggiornate, 365'324 persone frequentavano un ciclo del livello secondario II, 224'557 delle quali seguivano una formazione professionale di base (francese/tedesco; 202'678 secondo il sistema duale e 21'879 in una scuola a tempo pieno). I giovani che seguono un tirocinio si ripartiscono, in base al tipo di formazione, nel modo seguente:
- AFC: 210'125;
- CFP: 13'806
- MP: 9568
- formazione empirica: 233
- formazione professionale non disciplinata dalla LFPr: 393.

13.03.2019

Newsletter della SRFP

Nell'edizione 1/2019 della sua newsletter (francese/tedesco), la Società svizzera per la ricerca applicata in materia di formazione professionale (SRFP) presenta i risultati di diversi studi, tra cui un'analisi sistematica delle oml, un bilancio intermedio dello studio TREE (transizione dalla scuola al mondo del lavoro) 15 anni dopo la sua introduzione, un'inchiesta dello IUFFP sulla resilienza e il benessere dei docenti nella formazione professionale, ecc.

13.03.2019

Newsletter "SEFRI Mail"

La nuova newsletter elettronica "SEFRI Mail", pubblicata mensilmente in italiano, tedesco, francese e inglese fornisce informazioni concise su novità concernenti la SEFRI nonché su manifestazione e bandi. Preannuncia inoltre la rivista News SEFRI, di pubblicazione bimensile.

13.03.2019

Ritratto di un lattoniere che studia medicina

In passato Pascal Gerber, lattoniere di professione, si trovava quotidianamente su tetti e cantieri. In qualità di studente, Pascal trascorre oggi buona parte del suo tempo nelle aule, nelle biblioteche e nei centri di studio dell'Università di Berna, continuando tuttavia a lavorare nei cantieri. Un ritratto nell'UniPress 176/2019 (pagg. 40/41) presenta questo insolito studente di medicina nonché campione europeo nella sua professione.

13.03.2019

ZH: studio longitudinale sulla formazione postobbligatoria

Una volta conclusa la scuola dell'obbligo, il 70% dei giovani residenti nel Canton Zurigo intraprende una formazione professionale di base con AFC, il 9% una formazione professionale con CFP, mentre il 20% opta per una soluzione transitoria. I ragazzi scelgono più spesso una formazione professionale di base quadriennale o una formazione con maturità professionale. Per contro, le ragazze scelgono più sovente una formazione professionale di base triennale oppure il liceo. I giovani adulti si dichiarano soddisfatti della formazione intrapresa dopo la scuola dell'obbligo, e questo a prescindere dal percorso formativo scelto. È quanto emerge dalla quinta rilevazione del 2016 dello Studio longitudinale zurighese.
Rapporto integrale
Versione ridotta

13.03.2019

Germania: modernizzata la formazione dei fabbricanti di organi

Dal 2017 la fabbricazione di organi è patrimonio culturale immateriale. In Germania, il nuovo testo riprende sviluppi tecnici, economici e organizzativi. Accanto a standard aggiornati nell'ambito di sistemi controllati elettricamente ed elettronicamente, la nuova ordinanza contempla l'impiego di macchine utensili CNC in determinate fasi di produzione. L'ordinanza riveduta entrerà in vigore nell'agosto 2019. Al momento anche in Svizzera viene aggiornato il campo professionale "Fabbricazione di strumenti musicali", che include i fabbricanti di organi AFC e i fabbricanti di canne d'organo AFC.

Formazione professionale superiore e continua

13.03.2019

Regolamenti d'esame in consultazione

Le associazioni professionali competenti hanno presentato alla SEFRI i disegni di regolamento concernenti gli esami di professione di Cyber Security Specialist e specialista in appalti pubblici con attestato professionale federale. A questi si aggiunge un disegno di regolamento concernente l'esame professionale superiore di arte terapeuta con diploma federale (specializzazioni: terapia di movimento e danza, drammaterapia e terapia della parola, terapia di modellaggio e pittura, terapia intermediale, musicoterapia).
Foglio federale del 12 marzo 2019

13.03.2019

Abrogazione di un regolamento

L'associazione professionale competente ha deciso di abrogare per il 30 aprile 2019 il regolamento concernente l'esame professionale superiore di maestro/a odontotecnico/a del 26 aprile 2012.
Foglio federale del 5 marzo 2019

13.03.2019

Registro SSS dell'ODEC e titoli internazionali

I diplomati SSS possono iscriversi nel registro dell'ODEC. I membri possono inoltre richiedere il titolo di associazione "Professional Bachelor ODEC", rilasciato con un certificato e un supplemento (si veda anche supplementprof.ch). Il diploma SSS è iscritto nel registro della European Association of Practice-oriented Professionals with Higher Education (EurEta). In questo modo i membri dell'ODEC possono richiedere altre designazioni riconosciute a livello internazionale. Per ulteriori informazioni si veda il bollettino ODEC 1/2019 (pag. 31; tedesco). Infine, a pagina 29 si trova una sintesi dei principali dati statistici sulla formazione professionale superiore.

13.03.2019

Tempo richiesto per la formazione professionale superiore

In media, i candidati alla formazione professionale superiore investono nella loro formazione (corsi) tra le 15 e le 25 ore settimanali. Il tempo impiegato aumenta nettamente mentre gli studenti si preparano all'esame finale o redigono la tesi. L'88% dei candidati all'attestato professionale federale sceglierebbe nuovamente la medesima formazione e il 76% lo stesso ente di formazione. È quanto emerge da una rilevazione dell'UST.

13.03.2019

LU: ciclo di studio in sostegno individuale speciale (SIS)

Il ciclo di studio CAS FiBplus è rivolto ai docenti delle scuole professionali (insegnamento di cultura generale e materie professionali) e ad altri formatori, in particolare quelli attivi nei corsi interaziendali. I corsi sono stati ristrutturati e ora includono le formazioni che portano all'AFC e al CFP. All'attuale ciclo di studio sono iscritti 19 studenti provenienti da sei Cantoni. Il prossimo ciclo FiB, parallelo all'attività lavorativa, comincerà il 4 settembre 2019.

13.03.2019

Austria: modello digitale delle competenze nel quadro di riferimento europeo

L'Austria ha sviluppato il DigComp 2.2 AT, un nuovo modello digitale di competenze grazie al quale gli utenti hanno la possibilità di orientarsi nelle competenze digitali personali in sei settori e a otto livelli. Il modello corrisponde alla versione austriaca del quadro di riferimento europeo per le competenze digitali (DigComp 2.1). L'associazione fit4internet promuove offerte di formazione – armonizzate con il modello di competenze – che permettono ai partecipanti di risolvere autonomamente problematiche quotidiane di natura digitale, come ad esempio un corso che consenta di cavarsela con il cellulare. Altri tipi di offerte formative e un programma di promozione sono in previsione per quest'anno in tutta l'Austria.

13.03.2019

Liechtenstein: introduzione dei buoni di formazione

Il Principato del Liechtenstein ha lanciato un progetto pilota per la concessione di buoni di formazione, che si svolgerà fino a dicembre 2019. I buoni sono riservati ai residenti di età compresa tra i 25 e i 64 anni e hanno un valore di 500 franchi. Il progetto è stato sviluppato dalla fondazione Erwachsenenbildung Liechtenstein, dal Ministero dell'interno, dell'istruzione e dell'ambiente, da varie agenzie governative, enti e organizzazioni. L'opuscolo informativo è disponibile in tedesco, spagnolo, portoghese, turco e serbo-croato.
Ulteriori informazioni

Formazione generale e scuole universitarie

13.03.2019

Numerus clausus per gli studi di medicina 2019

Entro il termine d'iscrizione di metà febbraio 2019, 6555 persone si sono iscritte presso swissuniversities (francese/tedesco) per gli studi di medicina umana, veterinaria, dentaria o chiropratica. Visto l'alto numero di iscritti, il Consiglio della Conferenza svizzera delle scuole universitarie ha raccomandato agli istituti che applicano il numerus clausus di limitare il numero dei posti di studio disponibili. Come lo scorso anno, le ammissioni saranno limitate per gli studi di medicina presso le Università di Basilea, Berna, Friburgo, Zurigo, al Politecnico federale di Zurigo e all'Università della Svizzera italiano, nonché per i cicli di studio di cooperazione che si svolgono in accordo tra l'Università di Zurigo e quelle di Lucerna e San Gallo. Gli atenei di Ginevra, Losanna e Neuchâtel non applicheranno alcuna limitazione.

13.03.2019

ETH: le donne nel campo della matematica

Dall'11 al 22 marzo 2019, il Dipartimento di matematica del Politecnico federale di Zurigo (ETH) organizza una serie di eventi dedicata alle donne attive nel campo della matematica. Contemporaneamente sarà proposta un'esposizione che presenterà i ritratti di 27 matematiche (percorsi professionali, lavori di ricerca, ecc.) nonché gli oggetti impiegati dagli studenti per illustrare in modo semplice e comprensibile determinati principi matematici.

13.03.2019

ZH: dalla scuola dell'obbligo al liceo

Al liceo, gli allievi socialmente privilegiati sono sovrarappresentati a parità di prestazioni. Ciò è riconducibile soprattutto al fatto che questi allievi possono contare su un maggior sostegno a casa rispetto ai giovani che provengono da ambienti socialmente svantaggiati. È quanto risulta dalla quinta rilevazione dello Studio longitudinale zurighese. Nel quadro dello studio, dal 2003 sono stati esaminati i percorsi scolastici di circa 2000 allievi.

Orientamento

13.03.2019

CSFO: statistica 2017 relativa alla piattaforma di test online

La statistica relativa alla piattaforma di test online (PTO) indica il numero di test svolti per Cantone e per lingua. Nel 2018 il numero complessivo di test svolti è ancora nettamente cresciuto attestandosi a 37'729, con un incremento del 25% rispetto al 2017 (30'200). I test svolti in italiano sono aumentati da 786 a 944, in Ticino (UOSP) da 637 a 691.

13.03.2019

orientamento.ch: statistiche 2018

Dopo il relaunch di orientamento.ch, nel 2018 gli accessi registrati sono stati in media di oltre 500'000 utenti al mese (unique visitors). Al centro dell'attenzione ci sono le informazioni sulle professioni, la ricerca di posti di tirocinio e di formazioni. L'utilizzo della versione mobile è in aumento: circa il 45% degli utenti accede a orientamento.ch da uno Smartphone.
Ulteriori informazioni

13.03.2019

BE: misure contro la carenza di docenti

Per contrastare l'attuale carenza di docenti, il Dipartimento dell'istruzione pubblica del Canton Berna e l'Alta scuola pedagogica di Berna (PHBern) hanno elaborato una serie di misure (francese/tedesco) che saranno messe in atto a partire dall'anno scolastico 2019/20. Tra le altre cose, è previsto un ampliamento del mentorato per chi esordisce nella professione, l'aumento del grado di occupazione massimo e la costituzione di un gruppo di docenti pensionati che garantisca le supplenze a breve termine. Inoltre, la PHBern lancerà, nell'agosto 2019, il progetto pilota SBBE (Pratica professionale parallela agli studi).

Mercato del lavoro

13.03.2019

Calcolatore dei salari per le imprese che distaccano lavoratori

La SECO ha pubblicato il calcolatore nazionale dei salari. Il tool online per determinare gli stipendi usuali per il luogo, la professione e il ramo in Svizzera agevola l'attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone. Il tool fornisce alle aziende estere che distaccano personale in Svizzera nell'ambito dell'accordo sulla libera circolazione una serie di indicatori sui salari versati abitualmente nel nostro Paese. Si tratta inoltre di un importante strumento di lavoro per le commissioni tripartite cantonali, incaricate dal legislatore di monitorare il mercato del lavoro e contrastare gli abusi.
Comunicato stampa

13.03.2019

Studio: conseguenze della libera circolazione delle persone sul mercato del lavoro

Una riduzione dell'immigrazione in Svizzera non è possibile senza recare danno alla crescita dell'occupazione nelle imprese, né senza ostacolare lo sviluppo economico. Questa è la conclusione di alcuni ricercatori del KOF nell'ambito di uno studio (francese/tedesco/inglese) concernente le conseguenze della libera circolazione delle persone sul mercato del lavoro. Lo studio ha dimostrato che la pressione sui salari era quasi nulla. Anzi, i salari dei residenti svizzeri altamente qualificati sarebbero aumentati maggiormente nelle regioni di confine – nonostante la maggiore pressione migratoria – che nelle zone più lontane dalla frontiera.

13.03.2019

Turismo svizzero: occupazione moderatamente in crescita fuorché nel settore alberghiero

Nel 2017 il numero di posti di lavoro nel settore del turismo si poneva a 175'489 equivalenti a tempo pieno, pari al 4,4% dei posti di lavoro dell'economia svizzera. Il numero di impieghi nel turismo ha conosciuto una crescita globale del 2,2% tra il 2014 e il 2017. Il settore alberghiero e della ristorazione riunisce il maggior numero di posti di lavoro nel ramo turistico. Complessivamente, dal 2014 al 2017, il numero di impieghi nei servizi di alloggio è però diminuito del 2,6%, mentre l'occupazione nella ristorazione ha registrato un netto aumento globale nello stesso periodo (+10,3%). Nel trasporto di viaggiatori, il numero di posti è incrementato del 2,9%. Questi dati sono tratti dalla statistica svizzera del turismo 2017 (francese/tedesco) dell'UST.

13.03.2019

In forte calo il mestiere di casalinga

Nel 1991 il 64% di tutte le donne senza attività professionale si consideravano ancora delle casalinghe, mentre nel 2018 questo valore si è dimezzato (32%). Nello stesso periodo di tempo, il tasso di attività professionale delle donne tra i 15 e i 64 anni è aumentato dal 68% al 80%. La quota dei casalinghi si mantenuta invece stabile per oltre un decennio, attorno al 3-4% delle persone senza attività professionale. Questo è quanto risulta dagli ultimi indicatori sull'attività professionale 2018 dell'UST.

Integrazione professionale

13.03.2019

Obbligo di annunciare i posti vacanti: la Confederazione intende assumersi una parte dei costi per i controlli

La Confederazione intende partecipare ai costi di controllo dell'obbligo di annunciare i posti vacanti; ma questo si sapeva già dall'ottobre 2018. Ora la Confederazione ha però adottato il relativo disegno di legge e il messaggio, e li ha sottoposti al Parlamento. È previsto (dal 2020) un importo forfettario che copra la metà dei costi salariali di un controllo sostenuti nel quadro di un'attività di controllo efficiente; secondo stime sommarie all'incirca 100-200 franchi. Inoltre, s'intende conferire al Consiglio federale la competenza di emanare, all'occorrenza, disposizioni esecutive sul tipo e sulla portata dei controlli.

13.03.2019

Entrata in vigore la norma di qualità IN-Qualis per l'inserimento professionale

Il progetto di revisione della norma di qualità AOMAS si è concluso con successo. La versione riveduta della norma, ribattezzata IN-Qualis (francese/tedesco), è entrata in vigore a inizio marzo 2019. La nuova norma ha lo scopo di sostenere gli operatori attivi nel quadro dei provvedimenti inerenti al mercato del lavoro nei confronti dei committenti pubblici, e permette di attestare la qualità professionale nonché l'efficienza economica delle loro attività.

13.03.2019

Ambienti di lavoro inclusivi in favore delle persone disabili

La promozione dell'integrazione professionale delle persone disabili avviene in parte grazie a un "ambiente di lavoro inclusivo". L'Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità propone una definizione di questa nozione nell'edizione 1/2019 della sua newsletter: un ambiente di lavoro che offre alle persone disabili le stesse opportunità di essere assunte e di fare carriera. I datori di lavoro possono creare ambienti di lavoro più inclusivi introducendo modifiche a sei livelli: una direzione e quadri motivati, un posto di lavoro accessibile, una gestione del personale non discriminatoria, una cultura di team favorevole e una promozione della conoscenza fondata sull'esperienza e sulle reti. A questo proposito la rete Compasso mette a disposizione delle PMI esempi e strumenti pratici.

13.03.2019

AG: progetto di cooperazione cantonale AI-AD

Intitolato "Kooperation Arbeitsmarkt", il progetto di collaborazione tra l'assicurazione invalidità (AI) e l'assicurazione contro la disoccupazione (AD) sarà avviato il 1° aprile  2019 nel Canton Argovia. L'obiettivo è integrare nel mercato del lavoro più persone in cerca d'impiego, a prescindere dalla presenza o meno di limitazioni dovute a motivi di salute. Questo passo è la conseguenza logica delle esperienze positive raccolte nel quadro del progetto "Pforte Arbeitsmarkt" (Ingresso nel mercato del lavoro), approfondito dalle riviste PANORAMA (francese/tedesco) e La Vie économique / Die Volkswirtschaft.

13.03.2019

Finlandia, reddito di base incondizionato: nessun effetto sull'occupazione

Stando a uno studio preliminare, in Finlandia l'attuazione di un reddito di base incondizionato a titolo sperimentale ha migliorato il benessere e lo stato di salute dei beneficiari (disoccupati), ma non ha prodotto gli effetti sperati in quanto incentivo al reinserimento nel mercato del lavoro. I tassi di reinserimento professionale dei disoccupati sono stati paragonati con quelli di un gruppo di riferimento rimasto nel sistema classico. Risultato: la quota di persone che hanno ritrovato lavoro con il reddito di base incondizionato è stata del 43,7% contro il 42,85% di quelle che hanno trovato impiego senza questa formula. In compenso, il 55% dei partecipanti al progetto ha dichiarato di sentirsi in (ottima) salute, contro il 46% del gruppo di riferimento. I beneficiari hanno inoltre segnalato livelli di stress inferiori (17%) a quelli dei membri del gruppo di controllo (25%).
Articolo del Tages-Anzeiger
RTS in breve