Newsletter del 30.01.2019

Notizie di attualità del 30.01.2019

Formazione professionale di base

30.01.2019

Rilevazione dei costi della formazione professionale cantonale

La formazione professionale è finanziata mediante contributi statali (Cantoni e Confederazione) e dall'economia. Ogni anno la SEFRI effettua una rilevazione dei costi della formazione professionale cantonale in collaborazione con i Cantoni. La rilevazione indica i settori della formazione professionale per i quali i Cantoni stanziano fondi. Le cifre relative all'esercizio contabile 2017 sono disponibili online (francese/tedesco).

30.01.2019

Odontotecnico/a AFC: ordinanza emanata

La SEFRI ha emanato l'ordinanza riveduta sulla formazione professionale di base Odontotecnico/a AFC, che entrerà in vigore il 1° febbraio 2019. Siccome la revisione concerneva soltanto la correzione di un errore nell'ordinanza entrata in vigore il 1° gennaio 2018, non si è proceduto – d'intesa con la Conferenza svizzera degli uffici cantonali della formazione professionale – all'indagine conoscitiva. Nelle prossime settimane la versione cartacea dell'ordinanza potrà essere ordinata presso l'UFCL, mentre la versione elettronica sarà disponibile sul sito della SEFRI.

30.01.2019

CSD: come gestire le situazioni critiche

La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori delle scuole professionali (CSD) ha tenuto un forum sul tema "Come gestire le situazioni critiche". Le presentazioni e la documentazione sono disponibili sul sito della conferenza:
- Aspetti emotivi e psicologici (Esther Luder; francese/tedesco);
- Aspetti giuridici (Gaby Schmidt; francese/tedesco);
- Prevenzione e gestione dal punto di vista della polizia (Michael Fichter; francese/tedesco);
- Situazioni di crisi – Una guida per le scuole (CDPE; francese/tedesco).
Ulteriori informazioni (francese/tedesco)

30.01.2019

Nuova pubblicazione sul volontariato dei giovani quale alternativa educativa

Cosa spinge i giovani a dedicarsi a un'attività di volontariato? Quali competenze sviluppano all'interno di queste associazioni? Nella loro opera, intitolata "Le bénévolat des jeunes. Une forme alternative d'éducation", gli autori ricalcano il percorso di una quarantina di giovani di età compresa tra i 16 e i 25 anni, provenienti da tutti i ceti sociali. Il libro può essere ordinato sul sito (francese) delle Editions Seismo. La rivista PANORAMA ha dedicato un articolo (francese/tedesco) a questa tematica nel numero 5/2018. Si noti inoltre che, in occasione della presentazione del libro lo IUFFP organizzerà una tavola rotonda (francese), che si terrà giovedì 7 marzo 2019 a Renens (VD).

30.01.2019

BS: avamprogetto della legge sui diritti delle persone disabili

Il Canton Basilea Città è uno tra i primi a elaborare una legge cantonale che tuteli i diritti delle persone disabili. La nuova legge colma una lacuna giuridica e offre un prezioso contributo in favore delle pari opportunità. Il Consiglio di Stato ha approvato il disegno di legge. L'applicazione della nuova norma cantonale al livello secondario II – e in particolare alla formazione professionale – è descritta alla pagina 17 della documentazione.

30.01.2019

SG: il popolo si esprime sulla campagna a favore della formazione informatica

La campagna sangallese a favore della formazione informatica ha l'obiettivo di intensificare il processo di digitalizzazione nel campo della formazione. Con un credito speciale di 75 milioni di franchi, il Cantone vuole sostenere numerosi progetti nell'arco di otto anni. Gli assi prioritari sono cinque:
- centro di competenza per la digitalizzazione e la formazione destinati alla scuola dell'obbligo e al livello secondario II;
- programma "fit4future" per preparare il futuro digitale della formazione professionale duale;
- centro di competenza di digitalizzazione applicata in seno alla scuola universitaria professionale;
- School of Information and Computing Science presso l'Università di San Gallo;
- misure volte a mettere in rete gli operatori della formazione e dell'economia nonché eventi che promuovono le competenze degli allievi nei settori MINT.
Il popolo si esprimerà sul credito il prossimo 10 febbraio. Un articolo del Tagesanzeiger (a pagamento) presenta la campagna.

30.01.2019

ZH: corsi interaziendali nella pratica

Un articolo dettagliato, pubblicato nel bollettino scolastico 1/2019 del Canton Zurigo, prende in esame il terzo luogo di formazione, accanto all'azienda formatrice e alla scuola professionale (pagg. 36/37). L'articolo spiega come le competenze di base vengono trasmesse nell'ambito dei corsi interaziendali e lo fa basandosi sull'esempio dei selvicoltori, degli operatori sociosanitari e dei macellai-salumieri. Un altro articolo presenta invece la formazione professionale di libraio/a. Il tema principale del bollettino sono però le feste: gli autori ne illustrano le origini e il significato, e spiegano come questi eventi possano creare dei ponti fra le persone e aiutare i giovani a identificarsi con la scuola.

Formazione professionale superiore e continua

30.01.2019

Regolamenti d'esame in consultazione

Le associazioni professionali competenti hanno presentato alla SEFRI i disegni di regolamento concernenti i seguenti esami di professione: specialista in tecnologie di riabilitazione, tipografo/a per la comunicazione visiva, agente di sicurezza (indirizzi professionali: sorveglianza, protezione delle persone, centrali, sicurezza aeroportuale, manifestazioni) ed esperto/a in bioecologia della costruzione con attestato professionale federale. A questi si aggiunge un disegno di regolamento concernente l'esame professionale superiore di esperto/a nella costruzione sana e sostenibile con diploma federale.
Foglio federale del 22 gennaio e del 29 gennaio 2019

30.01.2019

Abrogazione di un regolamento

L'associazione professionale competente ha deciso di abrogare per il 28 febbraio 2019 il regolamento concernente l'esame professionale di specialista nel commercio frutta e verdura con attestato professionale federale.
Foglio federale del 22 gennaio 2019

30.01.2019
30.01.2019

Nuovi diplomi per specialisti nel settore delle cure

OdASanté e la Direzione d'esame di EPSanté stanno lavorando all'attuazione dei regolamenti per i tre esami professionali superiori di cure oncologiche, cure nefrologiche e consulenza diabetologica, approvati dalla SEFRI nel mese di gennaio 2019. Dal momento che le malattie croniche insorgono sempre più spesso, la disponibilità di personale specializzato si rivela fondamentale per il settore. Per questa ragione, nel 2014 è stato avviato il progetto "Eidgenössische Prüfungen im Pflegebereich" (Esami federali nel settore delle cure), che prevede complessivamente un esame di professione e sette esami professionali superiori.
Comunicato stampa (francese/tedesco)
Informazioni sugli esami (francese/tedesco)

Formazione generale e scuole universitarie

30.01.2019

Orientamento

30.01.2019

ICTjournal: il posto delle donne nell'informatica

Lo scorso mese di dicembre, ICTjournal ha dedicato un dossier al ruolo delle donne nel settore informatico svizzero mediante una serie di interviste e articoli. Alcuni contributi chiariscono i motivi per cui le donne sono riluttanti a intraprendere professioni in questo campo e illustrano le difficoltà che queste incontrano. Il dossier (francese) offre anche uno sguardo sui programmi per l'apprendimento della codificazione destinati alle ragazze e sulle opportunità delle donne nel settore dell'intelligenza artificiale.

30.01.2019

Dati della borsa nazionale dei posti di tirocinio disponibili su orientamento.ch e portali privati

I servizi competenti stanno mettendo a disposizione, per tutta la Svizzera, i dati delle borse cantonali dei posti di tirocinio su orientamento.ch. I portali privati come yousty.ch riprenderanno questi dati mediante un crawler, ossia un software finalizzato all'analisi e al recupero di contenuti web. Stando a un articolo della NZZ, sono previste delle trattative volte a definire contrattualmente il trasferimento di questi dati. Questo tipo di regolamentazione era già stato posto in vigore per breve tempo nel 2015. Secondo Ruben Meier (CSFO), i Cantoni intendono offrire il proprio contributo affinché anche sui portali privati vengano pubblicati unicamente i posti di tirocinio vacanti nelle aziende autorizzate a formare, i posti siano pubblicati al più presto un anno prima della disponibilità e la fonte dei dati sia resa nota. Urs Casty (Yousty) ha preferito non esprimersi al riguardo, aggiungendo solo che "la ripresa dei dati della Borsa nazionale dei posti di tirocinio è legale e consueta. Nessuno può impedirmi di farlo".

30.01.2019

AIOSP: newsletter e nuovo sito web

Nella newsletter del dicembre 2018 (inglese), l'Associazione internazionale per l'orientamento scolastico e professionale (AIOSP) tratta in particolare la conferenza organizzata lo corso mese di settembre a Göteborg, dedicata al tema "Bisogno di cambiamento". In occasione dell'evento, l'associazione mantello ha pubblicato un appello (inglese) concernente il lavoro precario. Si noti infine che l'associazione ha lanciato un nuovo sito web.

Mercato del lavoro

30.01.2019

Le banche lanciano una campagna di sensibilizzazione sull'idoneità del loro personale al mercato del lavoro

L'Associazione padronale delle banche in Svizzera intende rafforzare nei prossimi anni l'idoneità del personale bancario al mercato del lavoro. A tal fine, lancia una campagna di sensibilizzazione in collaborazione con i partner sociali, la Società degli impiegati di commercio e l'Associazione svizzera degli impiegati di banca. Lo scopo della campagna è testare le competenze necessarie per determinare l'idoneità del personale attuale e futuro.
Comunicato stampa (francese/tedesco)

30.01.2019

Fornitori di servizi per la gestione del lavoro flessibile

Le MSP (Managed Service Provider) sono società specializzate nella gestione delle risorse umane che si assumono l'onere di amministrare tutti gli impiegati di un'azienda con orario di lavoro flessibile: lavoratori temporanei attivi in diverse società di servizi, ma anche liberi professionisti e persone impiegate nel quadro di contratti d'appalto. Le aziende che si avvalgono di questo servizio possono appoggiarsi su un interlocutore centrale e, allo stesso tempo, contare su un ampio potenziale di reclutamento. Swissstaffing (tedesco) propone un articolo nel quale presenta queste nuove società di servizi, attribuendo loro un enorme potenziale in vista del futuro.

30.01.2019

UST: in aumento il lavoro a tempo parziale

Secondo i dati dell'UST, il lavoro a tempo parziale è sensibilmente aumentato negli ultimi 20 anni. Nel secondo trimestre del 2017, in Svizzera lavoravano a tempo parziale 1,7 milioni di persone. Tra il 1997 e il 2017 la quota del lavoro a tempo parziale è aumentata di 8,4 punti percentuali, raggiungendo il 36,7%. A parte alcune variazioni, la quota delle donne che lavorano a tempo parziale risulta tuttora quasi il triplo rispetto a quella degli uomini (il 59% contro il 17,6%).

30.01.2019

Due terzi degli svizzeri lavorano durante il tempo libero

In Svizzera, sempre più persone lavorano anche durante il loro tempo libero. Il 68% dichiara di lavorare con lo smartphone al di fuori dell'orario di lavoro; il 29% di queste afferma di farlo spesso o molto spesso. L'84% delle persone intervistate utilizza il proprio cellulare per fini privati durante l'orario di lavoro. È quanto risulta dallo studio "Global Mobile Consumer Survey 2018" (francese/tedesco/inglese), condotto dalla società di audit e consulenza Deloitte. Quando lo smartphone viene impiegato per lavoro, si tratta soprattutto di inviare e ricevere e-mail, telefonare e gestire la propria agenda. Le applicazioni di gestione dell'orario di lavoro e delle spese permetterebbero di ridurre notevolmente la burocrazia.

Integrazione professionale

30.01.2019

Anche i disoccupati senior approfittano del boom nel mercato del lavoro

Al momento anche i disoccupati ultracinquantenni riescono a trovare lavoro più facilmente che in passato. Lo scorso anno, la durata di ricerca media degli over 50 è infatti scesa da 7,9 a 6,8 mesi, come dimostra l'ultimo barometro del mercato del lavoro di Rundstedt. Ma non tutti i profili professionali hanno approfittato della situazione allo stesso modo. Ad esempio, nel 2017, per i cosiddetti "profili facili" la durata è stata di 4,5 mesi e per i "profili difficili" di 11,0 mesi; nel 2018, per i profili facili è stata mediamente di soli 3,8 mesi, mentre per i profili difficili persino di 11,8 mesi. Secondo lo studio "Possiamo dedurre che nel mercato non vi è una discriminazione generale dovuta all'età, bensì che le condizioni sono molto diverse a livello individuale e che sono largamente contraddistinte da altri aspetti".

30.01.2019

COSAS: la riduzione dell'aiuto sociale compromette la garanzia del fabbisogno vitale

Oggi il fabbisogno di base nell'ambito dell'aiuto sociale copre a malapena il minimo esistenziale. È quanto risulta da un'analisi eseguita su incarico della Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS). Ulteriori riduzioni comprometterebbero la garanzia del fabbisogno vitale e, con essa, le possibilità di reinserirsi nel mercato del lavoro. Attualmente, alcuni Cantoni stanno compiendo sforzi per diminuire in modo sostanziale soluzioni di aiuto sociale largamente armonizzate a livello nazionale. La COSAS afferma che il motivo dello studio si spiega con il fatto che finora le decisioni politiche concernenti la riduzione del fabbisogno di base sono state prese in assenza di un'analisi tecnica e senza considerare le conseguenze per i diretti interessati.
Comunicato stampa (francese/tedesco)

30.01.2019

Reportage: come sarà il futuro per chi presta cure ai congiunti?

Nel 2017 quasi un milione di Svizzeri – malati, ma soprattutto anziani – sono stati curati a domicilio da persone loro vicine, quali partner, parenti, amici o vicini. Secondo l'UST, nel 2016 queste persone hanno fornito 80 milioni di ore di lavoro non remunerato, equivalenti a 3,7 miliardi di franchi: un onere enorme, che il sistema della sanità pubblica non sarebbe in grado di assumere e che crescerà ulteriormente con l'invecchiamento demografico. Coloro che prestano cure ai congiunti rischiano la propria salute e la precarietà. Tra questi, 330'000 devono conciliare cure e attività professionale. Per preservare e meglio sostenere questa forza lavoro dal punto di vista finanziario, il Parlamento sta elaborando un avamprogetto di legge  che dovrà, ad esempio, regolamentare la questione delle vacanze pagate. I costi derivanti rischiano d'altra parte di gravare sulle assicurazioni sociali. La trasmissione "Temps présent" della RTS ha dedicato un ampio reportage a questo tema.

30.01.2019

Reintroduzione della grafologia

La grafologia è un metodo finalizzato a inquadrare la personalità di un candidato attraverso la sua calligrafia. Un libro pubblicato di recente raccoglie ricerche su metodi che a volte hanno avuto una cattiva fama. Questi metodi denotano in particolare un'alta corrispondenza tra caratteristiche calligrafiche e le cosiddette "Big Five" (apertura mentale, nevroticismo, coscienziosità, gradevolezza, estroversione). Ora la Società svizzera di grafologia ha fondato l'Institut für Handschriftwissenschaften, il cui scopo è quello di contribuire alla reintroduzione dell'analisi calligrafica mediante eventi e pubblicazioni (si veda l'articolo di HR Today; tedesco).

Varie

30.01.2019