28.08.2019

Mercato del lavoro

TI: molti considerano i frontalieri un problema

Il 61% della popolazione ticinese considera eccessivo il numero di frontalieri presenti sul mercato cantonale del lavoro. Lo rileva un sondaggio rappresentativo dell'istituto demoscopico gfs di Zurigo. A prima vista può sorprendere: nel 2018, la disoccupazione in Ticino si situava infatti al 3%, ossia appena lo 0,4% sopra la media svizzera. Il sondaggio, presentato su swissstaffing.ch, rivela anche una notevole sfiducia nei confronti delle autorità. Solo il 18% dei ticinesi interrogati ritiene che la politica cantonale si stia concentrando sulle giuste priorità per quanto riguarda la protezione del lavoro. Una stragrande maggioranza (87% risp. 86%) desidera un migliore sostegno dei disoccupati nella ricerca di un impiego e un'estensione dell'obbligo di annunciare i posti vacanti.