Newsletter del 11.11.2015

Notizie di attualità del 11.11.2015

Formazione professionale di base

11.11.2015

SwissSkills: nuovo presidente

Il Consiglio di fondazione di SwissSkills ha eletto come nuovo presidente il direttore della formazione di Lucerna Reto Wyss. Questi subentra al posto di Hans Ulrich Stöckling, che ha svolto la funzione per 20 anni. Reto Wyss è membro del comitato della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione e presidente della Conferenza dei direttori della pubblica istruzione della svizzera tedesca e della svizzera nord-occidentale. Inoltre, presiede il Consiglio di sorveglianza del CSFO. 
Comunicato stampa

11.11.2015

Economia domestica: ordinanze emanate

Dopo la revisione, la SEFRI ha emanato le ordinanze di impiegato d'economia domestica AFC e di addetto d'economia domestica CFP. Le ordinanze entreranno in vigore il 1° gennaio 2016, mentre le procedure di qualificazione rispettivamente il 1° gennaio 2019 e il 1° gennaio 2018. Le versioni stampate potranno essere ordinate nelle prossime settimane presso l'Ufficio federale delle costruzioni e della logistica (UFCL) e saranno disponibili sul sito della SEFRI. I piani di formazione saranno pubblicati sul sito dell'oml economia domestica svizzera.

11.11.2015

Formatura: modifica delle ordinanze e dei piani di formazione

La SEFRI sottopone a indagine conoscitiva, fino all'8 gennaio 2016, le proposte di modifica delle ordinanze e dei piani di formazione per le professioni di costruttore di modelli e stampi AFC e aiuto costruttore di modelli e stampi CFP. I documenti possono essere scaricati qui.

11.11.2015

Giardinaggio: modifica del piano di formazione

La SEFRI sottopone a indagine conoscitiva, fino al 27 novembre 2015, i progetti di modifica del piano di formazione per la professione di giardiniere AFC. Una delle modifiche concerne la durata dei corsi interaziendali nell'indirizzo professionale vivaismo. La seconda introduce una riduzione della durata del "Lavoro pratico" per quanto riguarda gli indirizzi professionali paesaggismo, vivaismo, piante erbacee perenni e floricoltura. Il piano di formazione riveduto sarà in seguito applicato per tutte le persone in formazione. Per quanto concerne l'ordinanza non sono previste modifiche.

11.11.2015

Ricerca sulla formazione professionale in Svizzera e in Europa

In collaborazione con altri organismi, l'Istituto di economia tedesco (Cologna) ha valutato i punti forti e i punti deboli della formazione professionale in Europa. Sono stati presi in esame i sistemi in vigore in sette paesi (Svizzera, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Svezia, Regno Unito). Dalla ricerca emerge che il successo della formazione professionale dipende in larga misura dalla sua accettazione sul mercato del lavoro. In molti paesi è necessario innanzitutto convincere le aziende di assumere un ruolo più attivo. In alcuni paesi la formazione deve inoltre colmare una certa mancanza d'immagine.
Ulteriori informazioni

11.11.2015

Simulazione comparativa tra Svizzera e Spagna

Incaricati dalla fondazione Bertelsmann, i professori svizzeri Wolter (Berna) e Mühlemann (Monaco) hanno realizzato una simulazione "costi-benefici" della formazione professionale, determinando i costi netti e i vantaggi per le aziende spagnole nel caso in cui formassero le nuove leve come in Svizzera. I risultati dello studio sono stati presentati in occasione del primo forum dell'Alleanza a favore della formazione professionale duale in Spagna. 
Studio (inglese)
Forum (spagnolo)

11.11.2015

NE: un sostegno supplementare alla formazione professionale

Lo scorso 4 novembre, il Gran Consiglio neocastellano ha approvato, con 93 voti a favore e 3 contrari, il rapporto concernente la riforma del fondo per la formazione e il perfezionamento professionale. Il Cantone verserà un contributo di 6,5 milioni di franchi per aumentare, tra il 2016 e il 2020, il numero di posti di formazione in azienda. Questo pacchetto di misure ha lo scopo di incentivare le aziende a rafforzare la formazione duale e creare almeno 200 posti di formazione supplementari.

11.11.2015
11.11.2015

Austria: dati strutturali e prospettive

A causa del forte calo delle persone in formazione e delle aziende formatrici dovuto all'evoluzione demografica, il modo di reagire alle future richieste di manodopera qualificata e diventato fonte di preoccupazione in Austria. La pubblicazione ibw "Lehrlingsausbildung im Überblick 2015" presenta una panoramica dei dati statistici disponibili. Oltre alle cifre concernenti gli apprendisti, sono forniti dati riguardanti la disoccupazione giovanile, il successo sul mercato del lavoro, il primo salario dopo la formazione, l'interruzione della formazione e l'abbandono della scuola oppure la spesa pubblica per le formazioni del livello secondario II.

11.11.2015

Francia: studio sul sistema formativo tedesco e austriaco

Grazie all'efficacia della formazione professionale, l'integrazione dei giovani nel mercato del lavoro è più agevole in Germania e in Austria che in Francia. Tuttavia, il numero di persone in formazione nei due Paesi germanofoni è in costante calo, il che dimostra che il sistema ha raggiunto i suoi limiti. Inoltre, un elevato tasso di abbandono è indice della difficoltà di allineare domanda e offerta di formazione. Questi sono alcuni dei dati emersi da uno studio commissionato dal Senato francese allo scopo di avviare i lavori di riforma della formazione professionale.

11.11.2015

Formazione professionale superiore e continua

11.11.2015

Regolamenti d'esame in consultazione

Le associazioni professionali competenti hanno presentato alla SEFRI disegni di regolamento concernenti l'esame di professione di capo d'azienda economia carnea con attestato professionale federale e l'esame professionale superiore di terapista complementare con diploma federale.
Foglio federale del 3 novembre e del 10 novembre 2015

11.11.2015

Promozione delle competenze di base degli adulti

È apparsa la nuova pubblicazione della FSEA sulla promozione delle competenze di base. Il documento è disponibile solo in tedesco unitamente a due articoli in francese. La pubblicazione presenta per la prima volta un approccio globale e fondato sulla pratica della promozione delle competenze di base in Svizzera, accompagnato da una panoramica dei relativi progetti.
Comunicato stampa

Formazione generale e scuole universitarie

11.11.2015

La Notte della carriera alle università svizzere

Il 12 novembre si terrà presso 12 università svizzere la seconda "Notte bianca delle carriere". L'evento è organizzato dai career service delle rispettive università. La manifestazione offre un programma ricco di eventi: revisione del CV, approfondimento di alcuni percorsi di carriera, workshop di orientamento professionale, career speed dating e molto altro ancora. L'evento è rivolto a dottorandi, studenti e laureati che vogliono confrontarsi con il proprio futuro professionale.

Orientamento

11.11.2015

Programma di formazione continua 2016 del CSFO

È stato pubblicato il programma di formazione continua 2016 per i professionisti dell'orientamento professionale. Il programma prevede seminari che affrontano temi relativi alla pratica della consulenza, ad esempio, il lavoro in rete, l'intelligenza intuitiva o la gestione dell'ultima parte di carriera. Sono inoltre proposte giornate informative sui cicli di studio del Politecnico federale di Losanna o sulle formazioni e le professioni dello sport. Il termine d'iscrizione scade il 31 dicembre 2015. Il programma completo è disponibile sul sito del CSFO (francese/tedesco).

11.11.2015

L'App del Servizio di orientamento professionale, universitario e di carriera della Svizzera centrale è ora disponibile

Inizialmente sviluppata nel Canton Sciaffusa, poi adattata nel Canton Zugo, la nuova App è ora disponibile nella Svizzera centrale. In aggiunta alle funzioni esistenti è possibile cercare posti di formazione a livello intercantonale. Un regolatore permette di impostare la zona nella quale si vuole circoscrivere la ricerca. L'App attinge ai posti di formazione vacanti di orientamento.ch ed è un progetto comune dei Cantoni LU, NW, OW, SZ, UR e ZG.
Comunicato stampa LU
Download

11.11.2015

Valutazione della giornata "Nuovo Futuro"

Quest'anno 18 Cantoni parteciperanno alla giornata "Nuovo Futuro" del 12 novembre. Secondo una valutazione commissionata dalla SEFRI, questo progetto – che esiste da quindici anni – ha avuto un impatto importante con risorse modeste, proponendo a ragazze e ragazzi del 7°-9° anno scolastico di accompagnare il genitore del sesso opposto sul posto di lavoro e/o di partecipare a diverse attività organizzate dalle scuole. Dal rapporto emerge che questa giornata è spesso considerata come una giornata di scoperta di base delle professioni. Esso raccomanda di ricentrare la comunicazione sulla prospettiva di genere e sullo scopo principale, che è quello di favorire una scelta di orientamento non stereotipata.

11.11.2015

Materiale sull'alta sensibilità

Talento, alta sensibilità o AD(H)D? In occasione di un congresso sul tema dell'alta sensibilità, specialisti e interessati hanno raccolto molto materiale degno di nota. Il congresso è stato organizzato lo scorso mese di ottobre da Susan Marletta-Hart e Martin Bertsch a Münsingen. Alcuni documenti e filmati possono essere visionati sul sito web.

11.11.2015

Alternative allo studio: esempi e possibilità

Alcuni titolari di una maturità scelgono un'alternativa agli studi accademici, ad esempio, un programma di formazione presso una banca o un'assicurazione, oppure una formazione abbreviata per l'ottenimento di un AFC in una professione tecnica. L'articolo alla pagina 16 del periodico Context (tedesco; 10/2015) presenta esempi e possibilità.

11.11.2015

FR: il caposervizio dell'orientamento professionale si ritira

Facendo valere i suoi diritti alla pensione, il 31 luglio 2016 Marc Chassot cesserà la sua funzione di caposervizio dell'orientamento professionale e della formazione per adulti. Attualmente, Chassot presiede anche la Conferenza delle direttrici e dei direttori dell'orientamento professionale, universitario e di carriera (CDOPU). Nel corso della sua attività, è stato un attore importante nello sviluppo dell'orientamento professionale, universitario e di carriera come pure della formazione per adulti nel Canton Friburgo. Inoltre, ha partecipato attivamente alla costituzione del CSFO.
Comunicato stampa

11.11.2015

VS: App per orientatori

Per i consulenti del Servizio di orientamento professionale, negli studi e nella carriera dell'Alto Vallese, è stata sviluppata un'applicazione per il lavoro svolto fuori sede, per esempio nelle scuole. I consulenti possono visionare statistiche, avviare presentazioni per gli incontri con i genitori, inserire dati nei singoli dossier o usufruire della piattaforma di test online. La realizzazione tecnica dell'App è stata curata da un mediamatico nel corso del 3° e 4° anno di formazione.

Mercato del lavoro

11.11.2015

La paura di perdere il posto opprime gli impiegati più anziani

Il 40% dei lavoratori svizzeri si sente spesso sotto pressione a causa del lavoro e all'incirca un terzo considera la propria attività professionale uno stress psicologico. Questa la conclusione dello studio (tedesco/francese) "Baromètre Conditions de travail" di Travail.Suisse, l'organizzazione mantello delle lavoratrici e dei lavoratori. Sono state interpellate 1500 persone. La paura di perdere il posto di lavoro riguarda soprattutto i dipendenti più anziani: due terzi dei 46-64enni sono dell'idea che se perdessero il posto di lavoro non sarebbero più in grado di trovarne uno comparabile e con uno stipendio equivalente.
Ulteriori informazioni

11.11.2015

Indice KOF del mercato del lavoro giovanile: Svizzera in testa alla classifica

Il Centro di ricerche congiunturali (KOF; tedesco) dell'ETH di Zurigo ha presentato un anno fa l'indice del mercato del lavoro giovanile, che consente di definire con più precisione la situazione dei giovani sul mercato del lavoro. L'indice descrive la situazione nel mercato del lavoro attraverso quattro dimensioni: stato occupazionale, qualità del lavoro, sistema formativo e facilità di accesso al mercato; a queste vengono poi attribuiti 12 indicatori. Nel 2013 – l'ultimo dato disponibile – la Svizzera ha ottenuto un indice di 5,66 su una scala da 1 a 7, il top a livello mondiale. Se da un lato la relativa disoccupazione giovanile è scesa, dall'altro si sono visti dei picchi nel "part-time", negli "orari di lavoro atipici" e nel "rischio di povertà nonostante l'impiego".

11.11.2015

UST: ulteriore aumento delle persone attive

Lo scorso anno la popolazione attiva in Svizzera è aumentata del 2,3%, passando da 5,081 milioni a 5,198 milioni. La crescita è stata chiaramente più sostenuta tra la popolazione femminile. È quanto indicano i conti globali del mercato del lavoro dell'UST. Essi consentono di rilevare la dinamica del mercato del lavoro, evidenziando le transizioni individuali tra attività professionale, disoccupazione e inattività. Nel 2014 il saldo migratorio di persone attive si attesta a 56'000 unità, contribuendo per il 47% all'aumento totale della popolazione attiva.

11.11.2015

UST: lo sviluppo qualitativo dell'impiego in Svizzera

L'UST ha preso in esame i cambiamenti qualitativi dell'impiego avvenuti negli ultimi dieci anni. Dallo studio emerge un quadro ricco di sfaccettature. Alla tendenza a ricercare lavori che richiedono una migliore qualifica e meglio retribuiti si contrappone un incremento dei contratti di lavoro a tempo determinato e della sottoccupazione. Inoltre, la crescente flessibilizzazione del lavoro è in contrasto con il calo di quello su chiamata. Il tempo per recarsi al lavoro è quasi raddoppiato, la sicurezza del posto di lavoro percepita è leggermente diminuita.

11.11.2015

Affrontare la gravidanza sul posto di lavoro grazie a mamagenda.ch

Sviluppato da Travail.Suisse, lo scadenzario digitale mamagenda.ch ha lo scopo di aiutare i datori di lavoro, le future madri e i loro colleghi ad affrontare la gravidanza sul posto di lavoro e il ritorno dopo il congedo maternità. Con questa interfaccia web, Travail.Suisse intende sostenere il mantenimento della manodopera qualificata in seno alle aziende anche dopo la maternità. Attualmente, vi sono quasi 1000 iscritti, che beneficiano di strumenti e suggerimenti online. Il servizio è da poco disponibile anche in lingua italiana.

11.11.2015

GE: settimana mondiale dell'imprenditorialità

Nel quadro della settimana mondiale dell'imprenditorialità, a Ginevra saranno organizzati numerosi eventi per onorare lo spirito imprenditoriale e suscitare vocazioni. Oltre alla notte dell'imprenditorialità (14 novembre), dal 16 al 22 novembre si terranno atelier, conferenze e visite in tutta la città.
Ulteriori informazioni

Integrazione professionale

11.11.2015

Guida al trattamento delle persone con problemi psichici

Molte persone con problemi psichici sono (parzialmente) abili al lavoro, a condizione che si reagisca per tempo e posto di lavoro e mansioni siano adeguati alle capacità delle persone interessate. Un'apposita guida (francese/tedesco) per datori di lavoro illustra possibili soluzioni. La guida spiega ad esempio come il datore di lavoro può riconoscere e affrontare problemi psichici nei suoi dipendenti, in che modo funziona la collaborazione con gli psichiatri e quali sono i punti importanti da seguire prima del reinserimento.

11.11.2015

Rivista terra cognita sul potenziale dei migranti

Spesso, in Svizzera, un numero sproporzionato di migranti qualificati provenienti da determinate regioni esercita un lavoro che non ha nulla a che vedere con la professione appresa e inoltre meno retribuito. Nella sua edizione 27/2015, la rivista terra cognita cerca di capire cosa tutto questo significhi per la Svizzera e in che modo il potenziale inutilizzato dei migranti qualificati possa essere meglio impiegato.

Varie

11.11.2015

UST: dati concernenti le istituzioni di formazione

La maggior parte delle istituzioni di formazione si concentra nella scuola dell'obbligo (89%), che comprende il 58% degli allievi e il 66% degli insegnanti. Solo il 7% delle scuole è di livello secondario II e comprende il 23% delle persone in formazione, con il 19% degli insegnanti. Nel livello terziario, la percentuale di istituzioni di formazione è del 3%, frequentate dal 14% degli insegnanti e dal 18% delle persone in formazione. Questi dati sono tratti dall'edizione 2015 dell'opuscolo dell'UST "Istituzioni di formazione".