Newsletter del 29.04.2015

Notizie di attualità del 29.04.2015

Formazione professionale di base

29.04.2015

News SEFRI: strategia di promozione della ricerca sulla formazione professionale

La legge sulla formazione professionale sancisce la promozione della ricerca in questo campo attraverso la Confederazione. In questo modo si vuole che la ricerca sulla formazione professionale si affermi in modo duraturo e che il controllo e lo sviluppo della formazione professionale si fondino più rigorosamente su basi scientifiche. Ora, una valutazione effettuata su incarico della SEFRI mostra che questi obiettivi non sono ancora stati completamente raggiunti. Certo è che i risultati di ricerca sono stati riconosciuti sia a livello nazionale che internazionale, ma sono ancora troppo poco influenti nella gestione e nella prassi della formazione professionale. Allo stesso modo le strutture di ricerca non sono ancora autonome. Una descrizione dettagliata dei risultati della valutazione effettuata dagli autori dello studio si trova nel numero 2/2015 della rivista specializzata PANORAMA (francese/tedesco).
SBFI News 3/2015 (francese/tedesco)

29.04.2015

Procedura di riconoscimento per i cicli della maturità professionale

La SEFRI ha recentemente pubblicato la guida "Procedura di riconoscimento dei cicli di formazione per la maturità professionale". Il documento illustra nel dettaglio le singole fasi della procedura e informa sui criteri di riconoscimento applicati. I Cantoni sono tenuti a presentare le loro domande rispettivamente entro il 31 dicembre 2015 e il 30 settembre 2015 (cicli di studio post AFC). L'8 maggio 2015 si terrà un incontro informativo.

29.04.2015
29.04.2015
29.04.2015

Ordinanza: indagine conoscitiva

La SEFRI ha avviato l'indagine conoscitiva per l'ordinanza e il piano di formazione per la professione di verniciatore industriale AFC. Termine per la presa di posizione: 15 giugno 2015. I documenti sono disponibili sul sito Internet della SEFRI.

29.04.2015
29.04.2015

IDES: affari in ambito educativo nei Cantoni nell'aprile 2015

Il centro informazioni e documentazione IDES della CDPE pubblica l'elenco completo "Documentation parlementaire" (Documentazione parlamentare), nel quale figurano gli affari attualmente in corso nel campo dell'educazione. A seconda dello stato (presentazione della mozione, risposta o messaggio del Consiglio federale, rapporto della commissione, ecc.), un affare può articolarsi in più capitoli. Oltre agli affari della formazione professionale / del livello secondario II, della formazione continua e delle università, l'elenco contiene anche gli affari della scuola dell'obbligo.
Documentazione parlamentare relativa alla politica formativa 4/2015 (francese/tedesco)

29.04.2015

CSRE: progetti di ricerca nell'ambito della formazione professionale

La Newsletter (francese/tedesco) "Informazione sulla ricerca educativa 1/2015" del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa (CSRE) informa sulle ultime pubblicazioni relative ai progetti di ricerca attuali. I seguenti progetti riguardano la formazione professionale:
- progetto "Barometro dei giovani che accedono al mercato del lavoro: prospettive sul mercato del lavoro dopo una formazione professionale di base" (francese/tedesco);
- progetto "L'influenza dei sistemi educativi cantonali sulla scelta di una professione tipicamente femminile o maschile dopo la scuola" (francese/tedesco);
- progetto "L'impatto della formazione professionale sullo sviluppo della personalità" (francese/tedesco).

29.04.2015

USA/Svizzera: rapporto sul sistema svizzero della formazione professionale

Il National Center on Education and the Economy (NCEE) ha esaminato il sistema svizzero della formazione professionale assegnandogli il "Gold Standard". Secondo il rapporto del NCEE, il nostro sistema educativo non soltanto offrirebbe formazioni professionalizzanti in tutti i segmenti dell'economia, ma rappresenterebbe un'attrattiva anche per i giovani che dimostrano buone prestazioni scolastiche. Il rapporto si basa su un viaggio di studio intrapreso da una delegazione americana e organizzato dal Centro di ricerche congiunturali dell'ETH di Zurigo nel giugno 2014.
Ulteriori informazioni

29.04.2015

Impiegati di commercio: validazione degli apprendimenti acquisiti

Il profilo di qualificazione e le condizioni di riuscita per la validazione degli apprendimenti acquisiti degli impiegati di commercio sono stati riveduti e adeguati all'ordinanza sulla formazione professionale di base del 26 settembre 2011. Le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1° gennaio 2016. Prossimamente la SEFRI pubblicherà online i relativi documenti (Elenco delle professioni).

29.04.2015

LU: integrazione professionale dei rifugiati

Il Canton Lucerna vuole sostenere l'integrazione professionale dei rifugiati e ha quindi dato avvio, in collaborazione con la Società svizzera degli impresari-costruttori di Lucerna, al programma di formazione pilota "Perspektive Bau" (Prospettiva: Edilizia). Il progetto, unico nel suo genere, prevede che 13 rifugiati attualmente residenti nel Canton Lucerna, seguano una formazione pratica di 12 mesi nel ramo edilizio.
Gewerbezeitung Luzern (pag. 8)
Si veda anche: Leichtere Berufsanerkennung für Flüchtlinge in Deutschland

29.04.2015

Germania: la formazione giusta contro la carenza di professionisti

Stando a un recente rapporto, in Germania si stanno profilando problemi di incontro tra domanda e offerta anche nelle medie e grandi imprese. I candidati dovrebbero essere sottoposti a colloqui più mirati se si vuole conoscere meglio il loro potenziale. Per questo sarebbe necessario accelerare i tempi e aprire le porte della formazione duale a quei candidati che, finora, a causa delle loro origini o della loro formazione scolastica hanno avuto opportunità nettamente inferiori sul mercato dei posti di tirocinio. Con il tema centrale "Ausbildungs-Mismatch heute – Fachkräfteengpässe morgen und übermorgen" (Formazione sbagliata oggi, carenza di professionisti domani), il BIBB-Datenreport completa il suo rapporto sulla formazione professionale 2015.

Formazione professionale superiore e continua

29.04.2015

Guida SEFRI per i regolamenti degli esami federali

Sulla pagine web della SEFRI è disponibile nelle tre lingue nazionali la nuova versione della Guida "Elaborazione e revisione di Regolamenti degli esami federali". Allo stesso tempo è stata rielaborata anche la pagina web SEFRI dedicata agli esami federali per migliorare l'accesso alle informazioni e ai documenti, e ottimizzare la facilità d'uso.

Formazione generale e scuole universitarie

29.04.2015

UST: più donne che uomini ottengono un titolo universitario

Nelle scuole universitarie la quota di diplomi conseguiti è in aumento per ambo i sessi mentre lo scarto tra loro diminuisce. La quota di donne dai 25 ai 34 anni con una formazione di una scuola universitaria professionale, di un'università o di un politecnico è più elevata di quella degli uomini della stessa età. Ciò nonostante, le donne rimangono in netta minoranza tra gli studenti di materie tecniche. Questi dati, ricavati dalla Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera 2014, sono disponibili sul sito Internet dell'UST.

29.04.2015

HES-SO: progetti a favore delle pari opportunità

La Scuola universitaria professionale della Svizzera occidentale (HES-SO) ha domandato a tutto il personale di presentare dei progetti atti promuovere le pari opportunità in seno all'istituzione. Quattro fra questi sono appena stati selezionati e saranno presto sviluppati. I progetti riguardano la conciliazione tra vita privata e professionale o studentesca, l'attrattiva dei cicli di studio sottorappresentati, l'inclusione delle donne nei cicli di studio TIC oppure l'integrazione di una prospettiva di genere nel campo dell'insegnamento.

29.04.2015

Una svizzera nella commissione dell'associazione delle Università europee

Martine Rahier, rettrice dell'Università di Neuchâtel e presidente di swissuniversities, è stata eletta come membro della commissione dell'European University Association (EUA). Questa grande organizzazione, che riunisce le università d'Europa, conta 850 membri provenienti da 47 paesi. La nuova eletta intende promuovere lo scambio di buone pratiche nel campo della ricerca, dell'insegnamento e della qualità, come pure sensibilizzare i partner europei alle preoccupazioni della Svizzera.
Comunicati stampa: UNINE, swissuniversities

29.04.2015

BE: pressione sugli studenti di lungo corso

A partire dal 13° semestre, gli studenti di bachelor all'Università di Berna dovranno versare una tassa semestrale di 1500 franchi, che raddoppierà con ogni semestre supplementare. Dunque, il 15° semestre costerà già 6000 franchi. Con l'inizio del ciclo di studio master, il conteggio riparte da zero. Ciononostante, in futuro saranno ancora accettate le richieste di prolungamento del periodo di studi in caso di attività professionale, custodia di bambini o malattia.

29.04.2015

NE: nuovo master universitario

A partire dall'autunno, nel quadro del master in lettere e scienze umane, l'Università di Neuchâtel (UNINE) proporrà una formazione per l'insegnamento del francese come lingua straniera con tre specializzazioni: didattica e plurilinguismo, retorica e scrittura o acquisizione e insegnamento del francese. Altri cambiamenti all'UNINE: dal prossimo semestre, la Facoltà di scienze sarà integrata da tre master (psicologia del lavoro e delle organizzazioni, statistica, metodologia d'indagine e opinione pubblica).

29.04.2015

VD: partenariato Erasmus+ per uno sviluppo delle scienze umane digitali

L'Università di Losanna ha ricevuto una borsa di partenariato strategica nell'ambito di Erasmus+ per sviluppare un programma di studi di riferimento per le scienze umane digitali. I partner produrranno un materiale didattico flessibile e un portale centralizzato. Le scienze umane digitali formano un campo abbastanza vasto che ricopre le tecniche numeriche applicate alle scienze umane, lo studio del loro impatto sulle pratiche di apprendimento e la trasmissione delle conoscenze.

29.04.2015

Germania: una generazione universitaria

In Germania la quota di studenti universitari sta superando il 50%. Ora è disponibile una raccolta di testi atta a discutere e ritrarre, da diversi punti di vista, le approfondite analisi del progetto di collaborazione KOAB ("Kooperationsprojekt Absolventenstudien") e il passaggio dalla vita accademica a quella del mondo del lavoro. La pubblicazione offre ai consulenti universitari interessanti impulsi: essi possono ad esempio trarre il massimo dai risultati dei diplomati degli anni precedenti.

Orientamento

29.04.2015

Statistica 2014 dell'orientamento professionale, universitario e di carriera

Il 2014 ha registrato, con 121'117 servizi di consulenza, il valore più basso negli ultimi dieci anni. La quota di adulti che hanno richiesto un servizio di consulenza è stata del 38%. Le visite su orientamento.ch sono aumentate del 9% rispetto all'anno precedente. Un leggero aumento è stato però rilevato dalla statistica (tedesco) della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori dell'orientamento professionale, universitario e di carriera nello svolgimento dei test, nelle visite dei centri d'informazione e degli eventi informativi.

29.04.2015

AG: i servizi di consulenza chiudono due sedi

I servizi di consulenza dell'Orientamento professionale e scolastico Argovia (ask!) attuano le misure di risparmio decise dal Cantone, in particolare, con la chiusura delle due sedi di Zofingen e Bad Zurzach. Dal 2016 il servizio sarà concentrato nelle quattro sedi di Aarau, Baden, Rheinfelden e Wohlen. Secondo un comunicato stampa, un servizio diretto e decentralizzato presso le scuole potrà garantire ai giovani l'aiuto necessario durante il periodo della scelta professionale anche nelle regioni periferiche.

29.04.2015

GE: un concorso per favorire l'eterogeneità nelle professioni

"Perché si contano così poche ragazze nelle professioni scientifiche o tecniche?". Le allieve ginevrine che hanno partecipato al concorso "J'ose choisir" (Io oso scegliere) hanno presentato al pubblico e alla giuria riflessioni e realizzazioni personali ispirate a questo tema. La classe vincitrice ha inscenato la vicenda di una giovane scienziata che rivendica il diritto a un salario pari a quello del suo collega maschio. Il concorso è stato organizzato dall'Associazione Svizzera delle Laureate e dal Dipartimento ginevrino dell'istruzione pubblica.

Mercato del lavoro

29.04.2015

UST: orari di lavoro sempre più flessibili

Nel 2014 quasi un dipendente su due (44,6%) esercitava la propria attività secondo orari di lavoro flessibili (2004: 41,7%). Una persona occupata su cinque (20,5%) lavorava regolarmente di sabato e circa una su dieci (10,6%) di domenica. Per quanto riguarda i modelli di orario di lavoro si registrano grandi differenze a seconda del grado di formazione e del sesso. Quasi il 60% delle donne lavorava a tempo parziale (uomini: 19,5%). La quota di occupati a tempo parziale è passata dal 31,7% nel 2004 al 36% nel 2014. È quanto emerge dai risultati della Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera 2014 realizzata dall'UST.

29.04.2015

Romandi più scettici verso il mercato del lavoro

Nella ricerca d'impiego i romandi sono meno ottimisti rispetto agli svizzeri tedeschi. È quanto risulta da un indicatore di "Page Personnel". Ad esempio, circa il 70% dei candidati interpellati nella Svizzera tedesca sono ottimisti riguardo alla situazione economica, mentre nella Svizzera occidentale la percentuale scende al 56,6%. Xavier Chauville, direttore esecutivo, commenta: "La fiducia è un'immagine riflessa delle relazioni locali. Per esempio, il mercato del lavoro nei settori dell'industria biotecnologica e chimica nella Svizzera tedesca è più dinamico". Ad ogni modo, il numero di posti messi a concorso sarebbe in aumento in entrambe le regioni, soprattutto per gli impieghi temporanei e il lavoro a tempo parziale.

29.04.2015

Il potenziale delle persone attive più anziane e immigrate

L'ente assistenziale EPER ha commissionato uno studio a 48 aziende di cinque diversi settori. Lo scopo dello studio era quello di individuare il metodo con il quale queste aziende valutano il potenziale di occupazione di determinati gruppi di persone, in funzione della carenza di personale specializzato. Le aziende vedono il maggior potenziale nelle persone attive più anziane e nei migranti altamente qualificati provenienti da paesi terzi. La pubblicazione (francese/tedesco) mostra possibili soluzioni per il reclutamento di questi gruppi. L'EPER richiede al Consiglio federale la creazione di una banca dati contenente informazioni sulle qualifiche professionali e i titoli di studio. Migrazione e integrazione sono pure i temi centrali del numero 2/2015 della rivista specializzata PANORAMA (francese/tedesco).

29.04.2015

Lotta contro il lavoro nero: raccomandazioni del CDF

Coordinare meglio la lotta contro il lavoro nero con le misure di accompagnamento: è la raccomandazione emessa dal Controllo federale delle finanze (CDF) dopo aver sottoposto a verifica la sorveglianza della SECO in questo ambito. Il CDF constata che i mezzi a disposizione delle misure di accompagnamento hanno la precedenza su quelli concessi alla lotta contro il lavoro nero. Tuttavia, l'impatto del lavoro nero sul mercato del lavoro è potenzialmente più incisivo rispetto a quello della libera circolazione. Il CDF raccomanda pertanto di associare le verifiche per le misure di accompagnamento a quelle contro il lavoro nero, considerando che alcuni Cantoni hanno già adottato questo tipo di sinergia.
Comunicato stampa

29.04.2015

Promozione della piazza economica: ulteriore calo delle cifre

Nel 2014, il numero delle nuove ditte registrate è ancora sceso. Mentre nel 2010 si sono stabilite 379 ditte e creati 2431 posti di lavoro, nel 2014 le aziende insediatesi sono state 274 e i nuovi posti di lavoro 780. Questi i risultati di una nuova statistica (francese/tedesco) della Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica (CDEP), che d'altronde parla di "importanti impulsi" per la struttura economica dei Cantoni. La CDEP non fornisce però dettagli concernenti i singoli Cantoni ne informazioni sui trasferimenti delle aziende.

29.04.2015

Manifestazione: staffingday 2015

Il prossimo 6 maggio si terrà lo staffingday 2015, organizzato dall'associazione per i prestatori di personale svizzeri. Tema principale: "Lavorare nel 2020 – Verso il mercato dei lavoratori". Interlaken, inizio ore 9.45.

Integrazione professionale

29.04.2015

Inserimento Svizzera definisce l'impresa sociale

Inserimento Svizzera ha recentemente dato una propria definizione delle imprese sociali e dell'integrazione da parte del mondo economico. Il loro scopo: un inserimento socioprofessionale duraturo. Il loro pubblico target: le persone in cerca d'impiego. Le imprese sociali d'inserimento si distinguono anche per l'assunzione di rischi economici. Esse devono offrire un lavoro a tempo determinato o indeterminato incentrato sulla produzione di beni o servizi, formazioni professionalizzanti e un accompagnamento verso l'impiego. In quanto enti di utilità pubblica e senza scopo di lucro, le imprese sociali si finanziano tramite la vendita di beni o servizi, prestazioni legate all'inserimento e contributi privati.
Presa di posizione (francese)

29.04.2015

Il lavoro temporaneo può essere uno svantaggio per chi si candida a un nuovo impiego?

Quasi la metà (46%) degli svizzeri HR Manager considera un'esperienza nel lavoro temporaneo un vantaggio per chi si candida a un impiego, in particolare se in quel periodo sono state acquisite conoscenze settoriali o competenze pertinenti al posto in concorso (27%). Un manager su cinque (19%) dichiara inoltre che questo dimostrerebbe la flessibilità del candidato. D'altro canto, soltanto il 38% dei capi del personale considera i candidati che hanno un'esperienza nel lavoro temporaneo equivalenti a quelli che hanno solo lavorato a tempo indeterminato. Questo è il risultato di un sondaggio condotto da Robert Half presso 100 HR Manager attivi in Svizzera. Il comunicato stampa (tedesco) presenta anche un elenco dei "cinque miti più comuni sul lavoro temporaneo".

Varie

29.04.2015

CSFO Edizioni: nuovo webshop

Il nuovo webshop di CSFO Edizioni è da ora a completa disposizione della clientela. Il servizio appare in una nuova veste e propone funzioni aggiuntive. Per esempio, si trova un'efficiente funzione di ricerca ed è possibile creare un account con impostazioni personali. All'occorrenza, gli utenti registrati hanno la possibilità di amministrare più carrelli della spesa. Il webshop è disponibile in lingua tedesca, francese e italiana. Un breve foglio informativo presenta le principali novità.