Newsletter del 12.09.2012

Notizie di attualità del 12.09.2012

Formazione professionale di base

12.09.2012

Relaunch del portale formazioneprof.ch

Il portale della formazione professionale si presenta in una nuova veste unitaria. Tutte le sottosezioni sono state integrate nel portale e riorganizzate secondo una nuova struttura tematica, ciononostante i link di tutte le sottosezioni sono stati mantenuti. Il Lessico della formazione professionale è ora collocato bene in vista. Altre modifiche importanti sono:
- la panoramica dei temi in ordine alfabetico permette di trovare velocemente l'ambito desiderato;
- la funzione di ricerca sistematica comprende tutti i contenuti delle pagine a tema e del lessico;
- alcune pagine sono state ristrutturate e aggiornate a livello di contenuto. Grazie a uno screendesign sviluppato appositamente per gli smartphone e altri dispositivi mobili, il Lessico della formazione professionale potrà essere consultato facilmente anche lontano dal pc.

12.09.2012

Nuovi documenti di riferimento per le ordinanze di formazione

Il testo di riferimento, aggiornato, per le ordinanze sulla formazione professionale funge da punto di riferimento ed è un mezzo ausiliare per i partner della formazione che sviluppano o revisionano le ordinanze sulla formazione professionale di base (ofor). Con il testo di riferimento si vogliono garantire la comparabilità e l'aspetto uniforme delle ordinanze per le diverse professioni. In questo modo si mira a migliorare in particolare la sicurezza legale nei documenti relativi alla formazione ed evitare eventuali ambiguità. Le necessità specifiche delle singole professioni saranno comunque sufficientemente rispettate. In base al nuovo testo di riferimento è stato a sua volta aggiornato il modello di riferimento per il piano di formazione. I partner della formazione professionale valutano, per ogni singolo caso, se e in quale arco di tempo va effettuata una revisione dell'ordinanza sulla formazione professionale di base, tenuto conto delle risorse disponibili di ogni singola organizzazione del mondo del lavoro.
Testo di riferimento

12.09.2012

Revisione del programma quadro per l'insegnamento della cultura generale

L'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) ha incaricato un gruppo di esperti di elaborare, nei prossimi due anni, una base per le raccomandazioni della revisione del programma quadro per l'insegnamento della cultura generale nella formazione professionale di base. Il gruppo è composto da otto esperti, molti dei quali sono membri della Commissione svizzera per lo sviluppo e la qualità dell'insegnamento della cultura generale. Successivamente l'UFFT sottoporrà le raccomandazioni e i risultati dell'analisi previsti per l'autunno 2014 a una procedura di consultazione presso le cerchie politiche. Se dovesse presentarsi la necessità di una revisione del programma quadro d'insegnamento in vigore dal maggio 2006, l'UFFT aprirà un bando di concorso per la direzione del progetto. Contatto: Toni Messner, responsabile della formazione professionale di base e capo della Commissione per il programma quadro per l'insegnamento della cultura generale, toni.messner@bbt.admin.ch.

12.09.2012

Newsletter Qualità: provvedimenti per gli operatori della formazione

La gestione della qualità nella formazione professionale è il tema principale della nuova edizione della Newsletter Qualità dell'UFFT. Le valutazioni, i sistemi per la gestione della qualità e le guide sono tutti provvedimenti che portano a migliorare la qualità. Un articolo a tema e quattro esempi di progetti pratici mostrano come viene applicata la gestione della qualità nei tre luoghi di formazione, scuola, azienda e corsi interaziendali, in occasione degli esami di professione e degli esami professionali superiori.
Newsletter 7/12

12.09.2012

UFFT: tre filmati sulla formazione professionale

L'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) ha commissionato tre filmati che presentano il sistema svizzero della formazione professionale duale agli interessati su scala nazionale e internazionale. I filmati mostrano il radicamento della formazione professionale nella società e nell'economia svizzera, un'economia che dispone di una mano d'opera altamente qualificata. I tre filmati completano il materiale informativo scritto e, con l'ausilio di esempi concreti, illustrano il sistema della formazione professionale nelle aziende e nelle scuole.

12.09.2012

Leading house per il settore commerciale

Sulla base di un mandato dell'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) la leading house dell'università di Zurigo ha avviato un progetto di ricerca sulla formazione e l'apprendimento nel settore commerciale della Svizzera tedesca. Con Linca (Learning and Instruction for Commercial Apprentices) si vogliono colmare lacune concettuali e dare una base alla politica e alla pratica della formazione professionale. Linca è aggregato alla cattedra di Franz Eberle presso l'istituto per le scienze dell'educazione. La leading house coopererà internamente con la cattedra di Philipp Gonon.

12.09.2012

Modifica dell'ordinanza assistente di studio medico AFC

L'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) ha emanato le modifiche dell'ordinanza sulla formazione professionale di base assistente di studio medico AFC e il relativo piano di formazione. Le modifiche concernono tutti coloro che hanno iniziato la formazione dopo il 1° gennaio 2010. Le nuove disposizioni per la procedura di qualificazione entreranno in vigore il 1° gennaio 2013. La nuova versione dell'ordinanza sarà disponibile nelle prossime settimane sul sito dell'UFFT: elenco delle professioni. Il piano di formazione può essere scaricato dal sito della Federazione dei medici svizzeri (FMH).

12.09.2012

ZG: sondaggio sulle conoscenze delle lingue straniere in azienda

Con il sondaggio Charta Berufschance Zug, condotto quest'anno, si sono prese in esame le conoscenze delle lingue straniere delle persone in formazione e in stage, e dei neolaureati. Sono 682 le ditte che hanno partecipato al sondaggio svoltosi nel Canton Zugo. I risultati evidenziano il fatto che alle lingue straniere viene attribuito un peso sempre maggiore nel mondo del lavoro: il tedesco rimane ancora la lingua aziendale principale; tuttavia le lingue straniere si fanno strada, soprattutto nel servizio clienti.
Risultati del sondaggio

12.09.2012

Germania: rapporto annuale del BIBB

L'istituto federale tedesco della formazione professionale (BIBB) presenta il rapporto annuale 2011/12. Il capitolo Ausbildungsmarkt und Beschäftigungssystem (mercato della formazione e sistema occupazionale) approfondisce l'approccio al mondo della formazione e dell'occupazione. La sezione Modernisierung eines leistungsfähigen Ausbildungssystems (modernizzazione di un sistema di formazione efficiente) tratta invece lo sviluppo della qualità. Il capitolo Lebensbegleitendes Lernen, Durchlässigkeit und Gleichwertigkeit der Bildungswege (apprendimento lungo tutto l'arco della vita, permeabilità ed equivalenza dei percorsi formativi) mette in evidenza gli sviluppi in atto nel quadro delle qualifiche in Germania, l'orientamento alle competenze della formazione professionale e il cambiamento delle offerte di formazione continua. In futuro il BIBB attribuirà la massima priorità all'internazionalizzazione della formazione professionale. Il rapporto annuale contiene inoltre una panoramica sulle collaborazioni e i programmi internazionali.
Rapporto annuale BIBB

Formazione professionale superiore e continua

12.09.2012

Attestato professionale per l'artigianato nella conservazione di monumenti

Il 4 settembre a Berna è stato ufficialmente avviato il primo ciclo di formazione per artigiani addetti alla conservazione dei monumenti storici. Per il mantenimento e il rinnovamento di edifici con un certo valore storico si cercano artigiani esperti che conoscano i materiali e le tecniche usati nelle epoche passate e che siano in grado di impiegarli in conformità alle prescrizioni e degli usi attuali. Il ciclo di formazione include otto indirizzi possibili: giardinaggio, falegnameria, pittura, muratura / intonacatura, mobilia / arredo d'interni, pietra naturale / muri a secco e stucco. La formazione continua ha riscosso grande interesse presso numerose associazioni e imprese attive nel settore delle opere storiche. 16 organizzazioni offrono il proprio contributo all'artigianato nella conservazione di monumenti storici in quanto responsabili del nuovo esame di professione. La biblioteca digitale del patrimonio culturale della Svizzera pubblicata all'inizio di settembre 2012 sul sito web www.tradizioni-viventi.ch contiene anche la rubrica Artigianato tradizionale.

12.09.2012

Regolamenti d'esame in consultazione

Le organizzazioni competenti hanno sottoposto all'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) i disegni di modifica del regolamento d'esame concernenti i seguenti esami di professione:
- specialista del legno con attestato professionale federale tipo commerciante di legno;
- specialista del legno con attestato professionale federale tipo responsabile della produzione dell'industria del legno;
- capo team in istituzioni sociali e medicosociali con attestato professionale federale; e il disegno di regolamento concernente l'esame professionale superiore di:
- Web Project Manager diplomato.
Foglio federale del 4 settembre 2012.

Formazione generale e scuole universitarie

12.09.2012

Ricerca presso le scuole universitarie professionali

Ai sensi della legge, le scuole universitarie professionali sono tenute a svolgere un'attività di ricerca. La tradizione, la tipologia e il significato dell'attività di ricerca però si profilano in modo diverso all'interno dei vari settori professionali. Il rapporto 2011 proposto dalla Commissione federale delle scuole universitarie professionali, analizza la situazione attuale della ricerca nelle scuole universitarie professionali e pone particolare attenzione al potenziamento avvenuto nel settore della ricerca da quando è stato introdotto il titolo di master.
Ulteriori informazioni

12.09.2012

Obiettivi strategici dello IUFFP

Terminata la fase istitutiva, nei prossimi quattro anni l'Istituto universitario federale per la formazione professionale (IUFFP) dovrà concentrarsi sulla propria attività principale e assumere un ruolo attivo nel panorama formativo svizzero. Il Consiglio federale ha stabilito apposite indicazioni nei propri Obiettivi strategici 2013- 2016 per il Consiglio dello IUFFP.
- L'attuale mandato di prestazioni dello IUFFP comprende i seguenti elementi principali:
- preparare i responsabili della formazione professionale alle future sfide;
- rivestire un ruolo principale nella realizzazione e nell'attuazione delle riforme della formazione professionale e nel suo sviluppo;
- collaborare con i partner della formazione a livello di ricerca e sviluppo;
- promuovere le nuove leve nella ricerca sulla formazione professionale.
Comunicato stampa
Obiettivi strategici in francese e in tedesco

12.09.2012

Istituti universitari: nuove statistiche

Due nuove pubblicazioni dell'Ufficio federale di statistica (UST) documentano i diplomi di scuola universitaria assegnati nel 2011. Si fa il punto sull'applicazione della Riforma di Bologna, si presentano dati sulle quote di donne e di stranieri. Altre statistiche sono centrate sul personale delle scuole universitarie professionali e delle alte scuole pedagogiche, così come sulle finanze delle università e dei politecnici federali. I collegamenti diretti ai rapporti e ai dati statistici sono contenuti nella newsletter dell'UST del 30 agosto 2012.

12.09.2012

Germania: trend positivo per le scuole universitarie professionali

Negli ultimi dieci anni, il numero degli studenti iscritti alle scuole universitarie professionali germaniche è salito del 66%, passando da 411 000 a 684 000 unità nell'anno scolastico 2010/11. È pure cresciuto di un terzo il numero di istituti che è passato da 152 a 209 SUP. Il significato sempre più consolidato di queste scuole è per esempio dimostrato dal fatto che la metà dei posti di formazione per studi in ingegneria è attribuita alle SUP. Si è pure riscontrato un più forte impegno nell'ambito della ricerca. In questa direzione sono confluiti alle scuole universitarie professionali non meno di 316 milioni di euro tra il 2006 e il 2011.
Comunicato stampa

Orientamento

12.09.2012

AG: informazioni sul mercato del lavoro nell'orientamento

I servizi di orientamento scolastico e professionale del Canton Argovia (BDAG) hanno pubblicato una scheda informativa sul mercato del lavoro per ognuno dei 130 campi professionali. Sulla prima pagina sono offerti dati sui posti di lavoro e sulla dimensione della disoccupazione, mostrandone lo sviluppo nel periodo che va dal 2002 a oggi, con riferimento ai valori medi di tutti i campi formativi. La seconda pagina indica il livello della formazione e la distribuzione secondo i rami professionali. Le schede informative, aggiornate ogni trimestre, possono essere scaricate dal sito del BDAG. La società di consulenza economica basilese B,S,S presenta una valutazione dell'iniziativa argoviese nel proprio sito.

12.09.2012

ZH: maggiori chance grazie al Case Management

Nel Canton Zurigo un terzo dei giovani assistiti dal Case Management ne ha tratto beneficio, per esempio lasciando la strada per affrontare un programma, una scuola o uno stage). Un ulteriore terzo ha potuto stabilizzare la propria situazione, per esempio attraverso l'anno di avviamento professionale al termine della scuola dell'obbligo. Per il restante terzo non si è invece potuto verificare un miglioramento della situazione iniziale. A questi risultati è giunto il rapporto intermedio della Scuola universitaria professionale per il lavoro sociale del Canton Berna.
Comunicato stampa e rapporto intermedio

12.09.2012

GE: atelier per aiutare i giovani a trovare uno stage

Lo stage d'orientamento e d'osservazione in azienda, svolto sull'arco di alcuni giorni, è uno dei mezzi più adatti per esplorare i diversi aspetti del mestiere in un contesto autentico. Esso permette ai giovani di verificare se possiedono le qualità richieste per esercitare il lavoro previsto. A Ginevra, il Servizio dell'informazione scolastica e professionale organizza per il quarto anno consecutivo l'atelier "Je trouve mon stage", a beneficio di quei giovani che non hanno trovato la professione adatta a loro. L'atelier li sensibilizza sulle esigenze del mercato di lavoro e li aiuta a identificare e superare le loro difficoltà.
Maggiori informazioni, qui

Mercato del lavoro

12.09.2012

L'USS rivendica aumenti salariali tra l'1,5 e il 2,5% nel 2013

L'Unione sindacale svizzera (USS) rivendica per il 2013 un aumento generale dei salari da 1,5 a 2,5% secondo i settori professionali. L'USS sostiene che questa misura è il solo mezzo per correggere gli effetti dell'individualizzazione della politica salariale, di cui hanno beneficiato solo gli alti e gli altissimi salari. L'aumento generalizzato dei salari è giustificato dal forte aumento della produttività del lavoro. L'aumento andrebbe inoltre completato da un rafforzamento dei salari delle donne, sempre molto inferiori rispetto a quelli degli uomini (nella vendita, fino a una differenza del 18%). Infine, i salari minimi dovrebbero essere rivalutati da 100 a 200 franchi, in particolare nei settori dell'artigianato e della stampa, per garantire più giustizia sociale.
Comunicato stampa

12.09.2012

I dipendenti svizzeri vogliono posti di lavoro sicuri

Le difficoltà economiche in Europa si sono fatte sentire anche in Svizzera. Nella scelta della futura impresa, oltre alle opportunità di carriera e alla possibilità di impostare la propria vita professionale, i lavoratori svizzeri attribuiscono molta importanza alla sicurezza del posto di lavoro. Questo è quanto emerge dal Global Survey Study, condotto per la quinta volta dalla società Tower Watson. I sondaggi si sono svolti in 27 paesi. Il numero di partecipanti in Svizzera ha raggiunto le 750 unità. Per i lavoratori intervistati due anni fa, la sicurezza del posto di lavoro non costituiva alcun problema. Comunicato stampa

12.09.2012

Occupazione in aumento nel secondo trimestre del 2012

Stando agli indicatori del barometro dell'impiego, pubblicato trimestralmente dall'Ufficio federale di statistica (UST), nel secondo trimestre del 2012 l'occupazione è aumentata sia nel settore secondario che nel settore terziario. I dati destagionalizzati indicano una lieve crescita dell'impiego pari allo 0,4% in più rispetto al trimestre precedente. L'aumento dell'occupazione è stato registrato in tutte le regioni. Le previsioni sull'occupazione promettono bene anche per il terzo trimestre. Le imprese dichiarano di voler assumere ulteriore personale.
Comunicato stampa (francese/tedesco)

12.09.2012

Industria orologiera: 15% di effettivi in più entro il 2016

L'industria orologiera necessita di ulteriori 3200 addetti entro il 2016. Ciò corrisponde a un incremento del 15% del personale attualmente impiegato nel ramo, che conta 53 000 collaboratori. Tra i posti previsti, 2000 sarebbero destinati alle attuali persone in formazione. Per evitare penuria di personale sarebbe dunque necessario adottare adeguate misure di assunzione e formazione. Questo è quanto emerge da un'inchiesta condotta ogni cinque anni dalla Convention patronale de l'industrie horlogère. L'analisi dei dati relativi a 158 imprese rivela che l'aumento maggiore della domanda di personale si è verificato nelle professioni di micromeccanico (+26%), cassaio (+23%) e orologiaio (+ 22-25%).
Comunicato stampa (francese / tedesco)

12.09.2012

Record delle offerte d'impiego online

Il volume delle offerte d'impiego pubblicate sui siti web svizzeri ha raggiunto cifre mai registrate prima. Per il mese di luglio 2012, l'indice Monster Index Svizzera (MIS) riporta un incremento di 8 punti rispetto al mese di aprile, raggiungendo i 227 punti e superando il primato di aprile dell'anno precedente. L'indice, pubblicato dal portale Monster.ch, viene rilevato dalla Scuola universitaria professionale della Svizzera nord-occidentale in collaborazione con l'Università di Zurigo. L'aumento è più marcato presso le borse del lavoro che nei siti aziendali. Tuttavia questi ultimi rappresentano ancora la maggioranza. L'incremento generale delle offerte di lavoro è da attribuire alla diminuzione del tasso di disoccupazione tra aprile e luglio 2012.
Comunicato stampa (francese / tedesco)

Integrazione professionale

12.09.2012

Potenziare i dipendenti più anziani

La Fondazione tedesca Körber, con la sua campagna Alter neu erfinden, vuole promuovere una nuova immagine dell'età. Il relativo sondaggio condotto dall'Istituto tedesco Forsa conferma che i dipendenti ultracinquantenni sono considerati a torto inflessibili, pigri e non sufficientemente competenti. Il fatto che i dipendenti più anziani offrano un grande potenziale se impiegati nel modo giusto lo conferma la giornalista Margaret Heckel nel suo libro "Midlife-Boomer" (edizione Körber-Stiftung). Se fossero messi da parte i pregiudizi, tutti potrebbero trarre profitto del cambiamento demografico. La scarsa capacità di apprendimento e di produttività, che sono tra gli argomenti più frequenti, sono tra l'altro stati smentiti da ricerche neurologiche. Inoltre, a seguito della continua ricerca di personale più giovane, spesso le imprese hanno segnalato una forte instabilità del loro organico, se non addirittura costanti problemi di assunzione.
Articolo sul portale HR Today

12.09.2012

Aumento dei giovani disoccupati

Attualmente il tasso di disoccupazione mondiale dei giovani nella fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni è pari al 12,7%. Entro il 2017 l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIT) prevede un'ulteriore ascesa al 12,9%. Per lo stesso anno, nei paesi economicamente sviluppati si attende un calo della disoccupazione giovanile dall'attuale 17,5% al 15,6%. Rispetto al 12,5% riportato nel 2007 questa quota rimane tuttavia elevata. Inoltre il calo potrebbe essere riconducibile anche al fatto che molti giovani si saranno rassegnati e quindi ritirati dal mercato del lavoro, non più figurando nelle statistiche.
Comunicato stampa

12.09.2012

Consenso di principio al progetto legislativo sull'integrazione

In avvenire Confederazione e Cantoni svilupperanno e finanzieranno congiuntamente dei programmi d'integrazione cantonali, con il coinvolgimento dei Comuni e dei servizi specializzati. È inoltre previsto che gli stranieri che non si conformeranno agli accordi d'integrazione rischieranno la revoca del permesso di dimora. Sono questi alcuni dei punti salienti del nuovo progetto legislativo in materia d'integrazione, approvato a grandi linee in procedura di consultazione.
Comunicato stampa

Varie

12.09.2012

Organigramma della futura SEFRI

Il segretario di Stato Mauro Dell'Ambrogio, responsabile per il campo scuole universitarie, Josef Widmer per il campo formazione e Jürg Burri per la ricerca e l'innovazione insieme formano la direzione della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI). La segreteria generale ampliata sarà composta dai responsabili degli undici nuovi settori. La nuova SEFRI riprenderà il prossimo 1° gennaio tutti i contratti di lavoro attualmente validi. Tutti i rapporti di lavoro saranno così mantenuti.
Organigramma della SEFRI

12.09.2012

Paolo Colombo nuovo vicepresidente della CSFP

L'assemblea plenaria della Conferenza svizzera degli uffici cantonali della formazione professionale (CSFP), riunitasi a Berna lunedì scorso, ha designato Paolo Colombo, direttore della Divisione della formazione professionale del Cantone Ticino, nuovo vicepresidente nazionale della CSFP. Il nuovo comitato della conferenza si compone di Theo Ninck (BE), presidente, Paolo Colombo (TI), vicepresidente e dei membri Séverin Bez (VD), Laurent Feuz (NE), Ruedi Giezendanner (SG), Mark Kummer (ZH), Beat Schuler (ZG).
Comunicato stampa

12.09.2012

Nuova edizione per l'ambito sociale

Da ora è disponibile la nuova edizione della rivista Beobachter-Ratgeber, Sozialhilfe – Rechte, Chancen und Grenzen (Aiuto sociale – diritti, opportunità e limiti), pubblicata in collaborazione con la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS). L'opuscolo informa sull'aiuto sociale e spiega come vengono applicate le linee guida COSAS. In forma semplice e con esempi di calcolo concreti l'opuscolo chiarisce l'attività svolta dagli aiuti sociali.
Ordinazione