Newsletter del 01.02.2012

Notizie di attualità del 01.02.2012

Formazione professionale di base

01.02.2012

Ha preso avvio il progetto Leading House "Qualità"

Il Leading House "Qualità della formazione professionale" è un progetto dell'Università di Friburgo, avviato nell'estate 2011, sotto la direzione della Prof.ssa Margrit Stamm e del Prof. Stephan Schumann. Il via ufficiale è stato dato in occasione del Kick-off che si è tenuto a Berna il 12 gennaio 2012. La seduta si prefiggeva di avviare uno scambio di conoscenze e di visioni tra esponenti del mondo politico, scientifico e professionale. Il progetto è stato compiutamente introdotto dalle relazioni di Ursula Renold (UFFT), Hans Ambühl (CDPE) e Jürg Zellweger (Unione Svizzera Imprenditori) e successivamente discusso da diversi rappresentanti della formazione professionale svizzera. Finalità del Leading House sono da un lato la rinuncia alla prospettiva dettata dal deficit, a favore della prospettiva fondata su potenziale e risorse, e dall'altro il transfert di risultati e esigenze che emergono dalla pratica verso la ricerca scientifica.
Comunicato stampa

01.02.2012

Riforma delle professioni: bilancio intermedio dell'UFFT

Dopo l'entrata in vigore della Legge federale sulla formazione professionale (LFPr) nel 2004, tutti i "regolamenti d'apprendistato e d'esame di fine apprendistato" disciplinati dalla vecchia legislazione devono essere adattati o sostituiti. La riforma di ogni professione ha oggi quale sbocco naturale una nuova ordinanza sulla formazione professionale di base e uno specifico piano di formazione. Per la maggior parte delle 200 professioni, il processo di riforma è ormai concluso. Tutto il lavoro deve essere completato al più tardi entro il 2015. L'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) ha appena pubblicato un bilancio intermedio sotto forma di due elenchi: il primo per le ordinanze entrate in vigore dal 2005 al 2012, il secondo per i ticket preliminari e per i ticket assegnati.

01.02.2012

Consultazioni di ordinanze sulla formazione professionale

L'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) ha avviato la consultazione sui progetti di ordinanza e piano di formazione per la professione di Addetto-a selvicoltore CFP e di Fotografo-a AFC. Il termine per la consultazione scade il 23 aprile 2012. L'UFFT avvia pure un'indagine conoscitiva in vista dell'adattamento del piano di formazione per la professione Professionista del cavallo AFC. Le prime indagini svolte nel 2011 hanno sottolineato l'esigenza di precisare la ponderazione dei lavori pratici nei diversi ambiti e indirizzi. In assenza di riscontri dalle cerchie interessate entro il 15 febbraio 2012, l'UFFT riterrà acquisite le modifiche poste in esame.

01.02.2012

L'industria orologiera in prima linea nella formazione di base

La Convention patronale dell'industria orologiera svizzera svolge ogni anno un'indagine presso le scuole tecniche, illustrando la situazione della formazione professionale nel ramo. Per il 2011, i risultati confermano la popolarità tra i giovani dei mestieri dell'orologeria. L'anno scorso, in 425 hanno cominciato una delle formazioni di base (sei di esse preparano all'AFC, una al CFP) nella scuola d'orologeria o nella formazione duale. Quest'ultima opzione conosce un interesse sempre più crescente tra i giovani: introdotta nel 2010, la formazione d'operatore in orologeria CFP (42 contratti nel 2011) potrebbe confermarsi in futuro altrettanto attrattiva, se si considera il reale fabbisogno di manodopera qualificata nei laboratori d'assemblaggio.
Comunicato stampa

01.02.2012

TSR: Apprendisti sul filo del rasoio

Giovedì 19 gennaio, la Televisione della Svizzera romanda (TSR) ha dedicato la trasmissione "Temps Présent" alle persone in formazione. Gli autori del servizio Apprentis sur le fil du rasoir hanno seguito alcuni giovani alla ricerca di un posto di formazione, altrigià confrontati con la realtà del mondo del lavoro. "Temps Présent" ha pure messo in risalto il ruolo fondamentale assunto dai datori di lavoro, la maggioranza dei quali s'impegna con grande generosità nella formazione dei giovani.
È possibile rivedere la trasmissione della durata di 50 minuti sul sito della TSR.

01.02.2012

BS/BL: campagna d'immagine per la maturità professionale

I due semicantoni basilesi hanno avviato la campagna d'immagine biennale Berufslehre plus Berufsmatur (Formazione di base e maturità professionale). Essa si prefigge di avvicinare un numero maggiore di giovani alla formazione professionale, rendendo attrattiva la prospettiva della maturità professionale, quale alternativa al liceo per l'accesso agli studi superiori. Nel contempo l'economia intende rispondere meglio alla carenza di manodopera qualificata. L'iniziativa è imperniata nella cooperazione tra i dipartimenti dell'educazione di Basilea- Città e la direzione della formazione di Basilea-Campagna da un lato, e l'Unione arti e mestieri di Basilea- Città, la Camera economica di Basilea-Campagna e la Camera di commercio di entrambi i Cantoni dall'altro.

01.02.2012

SO: formazione di recupero per meccanici di produzione

Il Canton Soletta propone, in collaborazione con l'industria, una formazione intensiva di recupero che permette ai candidati di conseguire un attestato federale di capacità nell'arco di due anni. In molte aziende, soprattutto del settore industriale, lavora un gran numero di operai non qualificati che dispongono di ottime capacità e conoscenze professionali. Tuttavia, la mancanza di qualifiche ufficiali impedisce loro di svilupparsi sia scolasticamente che professionalmente. Al progetto partecipano l'Istituto professionale per l'industria e l'artigianato di Soletta e la ditta Fraisa SA di Bellach, quest'ultima quale azienda di riferimento.
Ulteriori informazioni

01.02.2012

Germania: situazione degli occupati senza qualifiche

I responsabili della formazione professionale in Germania vedono nelle persone che esercitano un'attività lucrativa ma che non sono in possesso di qualifiche professionali una grande sfida per la formazione e la formazione continua. Circa un lavoratore su sette non possiede un diploma professionale. Queste persone svolgono attività che si riducono a pochi settori professionali e, rispetto al personale qualificato, molto spesso sono confrontati con rapporti di lavoro di poco conto e a volte precari. Inoltre, il rischio di disoccupazione è tre volte superiore alla norma. Questo è quanto è emerso dallo studio Erwerbstätigkeit ohne Berufsabschluss – Welche Wege stehen offen? (Lavorare senza diploma – Quali possibilità rimangono aperte?), condotto dall'Istituto federale per la formazione professionale. I progetti della formazione professionale mirano a misure di formazione e formazione continua rivolte al settore industriale e atte a semplificare l'apprendimento delle persone non qualificate, permettendo loro di raggiungere il livello del personale qualificato.
Rapporto BIBB

Formazione professionale superiore e continua

01.02.2012

UFFT: Regolamenti in consultazione

Le organizzazioni responsabili hanno sottoposto all'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT) i seguenti progetti di regolamenti, concernenti l'esame professionale e l'esame professionale superiore:
- esperto saldatore con attestato professionale federale
- dirigente con diploma federale
Foglio federale del 31 gennaio 2012

01.02.2012

Scuola di giornalismo Ringier: nuovo ciclo di studio

Dopo anni durante i quali la Scuola di giornalismo Ringier (tedesco) ha proposto esclusivamente corsi di formazione interni, un nuovo ciclo di studio è ora aperto anche a iscrizioni esterne. Il concorso è pubblicato sul sito della Ringier, presso scuole universitarie e università, sulle comuni piattaforme per la ricerca di lavoro online e sotto forma di annuncio negli stampati della Ringier. Tutti i partecipanti devono soddisfare le condizioni di ammissione (maturità, studi o formazione professionale di base conclusa, superamento di un test di cultura generale e di un test giornalistico scritto). I volontari otterranno un contratto di un anno con uno specifico "compenso per volontari".

01.02.2012

Francia: bilancio e prospettive della formazione continua

Quarant'anni dopo la sua creazione, la formazione professionale continua rappresenta una delle sfide principali per sviluppo economico, sociale e ambientale della società francese. In base al mandato del primo ministro, il Consiglio economico, sociale e ambientale formula 24 raccomandazioni attorno a quattro obiettivi, che rappresentano le priorità per ogni modifica negoziata del sistema di formazione professionale.
Riassunto e rapporto completo (francese)

01.02.2012

Europa: premio Grundtwig Award 2012

Il premio Grundtwig Award 2012 sarà improntato al tema dell'approccio innovativo all'Adult Education and Learning – Activating Older Learners. Il 2012 è stato proclamato Anno europeo dell'invecchiamento attivo e il premio s'inserisce idealmente in un contesto di rafforzamento della solidarietà intergenerazionale. Il Grundtwig Award è assegnato ogni anno dall'EAEA (European Association for the Education of Adults), alla quale possono essere inoltrati progetti (anche da paesi extraeuropei) in lingua inglese, francese o tedesca entro il 5 marzo 2012.

Formazione generale e scuole universitarie

01.02.2012
01.02.2012

LU: nuovo ciclo di studi SUP in "Camera Arts"

Il ciclo triennale per il Bachelor in Camera Arts prevede l'approccio degli studenti all'impiego delle tecniche fotografiche tradizionali e più avanzate nonché l'introduzione alla sequenza nella produzione digitale. Il fulcro è rappresentato dall'interazione tra apparecchio fotografico, suono, testo, luce e movimento. Gli studenti raggiungono così la capacità di operare in ambiti quali la cronaca fotografica, la comunicazione, i musei e le istituzioni culturali, ma anche di sviluppare capacità più creative e artistiche.

Orientamento

01.02.2012

Edizioni CSFO: nuove pubblicazioni

Tra le novità in lingua francese, vi proponiamo il nuovo opuscolo "Et, à part les études?". Esso illustra le possibilità alternative di formazione per chi non aspira a proseguire i propri studi in una scuola superiore dopo la maturità liceale. Nell'ambito della documentazione sulle professioni, è apparso un nuovo numero dei Quaderni sulla scelta professionale: esso presenta le professioni del ramo dell'industria, della tecnologia e dell'informatica. Sono inoltre disponibili da questo mese numerosi nuovi opuscoli e DVD inerenti professioni diverse. In lingua tedesca, sono disponibili questo mese due nuovi DVD sulle professioni di Falegname AFC, Falegname CFP e Polydesigner 3D AFC, un opuscolo sulla professione di Operatore socioassistenziale AFC e il questionario "Berufsfelder-Test 22" di Jungo/Zihlmann. Vi sono inoltre aggiornate le tre Infomappen per l'orientamento scolastico, il Beruf-easy.ch, il libro della scelta professionale Berufswahlbuch con il Berufswahlkompass e il questionario "Le mie inclinazioni e i miei interessi". Potrete scoprire l'insieme dei nuovi titoli disponibili con le necessarie informazioni e la pagina per le ordinazioni on-line, al portale del CSFO, Prodotti. È stato pure pubblicato il nuovissimo programma delle Edizioni 2012 del CSFO. Per le novità nelle altre lingue nazionali, si consultino le pagine in francesetedesco.

01.02.2012

CSFO Formazione continua: posti disponibili

Più o meno 1400 persone si sono ad oggi annunciate per le proposte di formazione continua (in lingua tedesca e francese) del Centro svizzero di servizio Formazione professionale, orientamento professionale, universitario e di carriera (CSFO). Una parte dei corsi saranno previsti in nuove sedi, secondo la distribuzione geografica degli interessati. A partire dal 15 febbraio, nel portale del CSFO saranno segnalati data e luogo di ogni corso.

Mercato del lavoro

01.02.2012

Evoluzione dell'impiego all'inizio del 2012

In base a un campione rappresentativo di 754 datori di lavoro, in Svizzera la previsione netta dei nuovi impieghi nel primo trimestre del 2012 ammonterebbe allo 0%. In effetti, per l'89% dei datori di lavoro interrogati non entra in linea di conto alcuna assunzione di personale. Ciononostante, i risultati dello studio di Manpower mettono in luce delle differenze regionali. Mentre la Svizzera orientale (+9%), Zurigo (+8%) e il Mittelland (+3%) dovrebbero conoscere un aumento dell'occupazione, nel resto della Svizzera dovrebbe verificarsi il fenomeno inverso: -5% nella regione del Lemano, -9% nella Svizzera nordoccidentale, -12% nella Svizzera Centrale. Anche in Ticino, si registrerebbe un calo dell'occupazione attorno al 4%: benché vi sia un aumento di 7 punti percentuali rispetto al precedente trimestre, il calo rispetto al medesimo periodo del 2011 sarebbe comunque del 7%. Su scala nazionale, il calo d'occupazione si rileva in particolare nelle professioni dell'agricoltura e del commercio.

01.02.2012

Gli Svizzeri sono soddisfatti della loro situazione professionale

È quanto emerge dall'inchiesta rappresentativa svolta dalla Televisione svizzera tedesca, secondo la quale, addirittura il 94% dei cittadini svizzeri si dicono contenti della loro situazione lavorativa e questo, nonostante il 2011 sia stato un anno pessimo dal profilo economico. Il 35% sarebbe perfino molto soddisfatto. Il grado di soddisfazione è indirettamente proporzionale al livello di formazione: in effetti, se a dichiararsi molto contenti del loro lavoro sono il 40% delle persone con una formazione scolastica di base, il medesimo riscontro è inferiore (32%) tra coloro che hanno una formazione superiore. Quanto al carico professionale sul posto di lavoro, esattamente un terzo degli intervistati lo considera eccessivo.

01.02.2012

Il Consiglio federale a favore di più incisive misure fiancheggiatrici

A proposito dell'accordo con l'UE sulla libera circolazione delle persone, il Consiglio federale ritiene necessario potenziare le misure fiancheggiatrici. Esse sono focalizzate sul miglioramento della gestione strategica ed operativa delle misure di accompagnamento e su una maggiore collaborazione tra gli operatori coinvolti. Il Consiglio federale prende così posizione rispetto al rapporto della Commissione della Gestione del Consiglio nazionale (CdG-N) del 21 ottobre 2011 sulla valutazione della sorveglianza e degli effetti delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone. Il Consiglio federale ha deciso di adottare e attuare specifiche raccomandazioni, incaricando il Dipartimento federale dell'economia di applicarle. Nel marzo 2012, il Consiglio federale sottoporrà al Parlamento un messaggio ad hoc, allo scopo di combattere più efficacemente il fenomeno della pseudo-indipendenza e di promuovere l'imposizione di salari minimi vincolanti nei contratti normali di lavoro e nei contratti collettivi di lavoro di obbligatorietà generale agevolata.
Comunicato stampa

01.02.2012

La Svizzera crea occupazione all'estero

Secondo la Banca nazionale svizzera (BNS), nel 2010, gli imprenditori svizzeri hanno impiegato all'estero 2,664 milioni di occupati, dei quali quasi la metà in diversi paesi europei e il 23,8% nel Nord America. La BNS rileva inoltre che gli stock d'investimenti diretti svizzeri nelle filiali estere sono aumentati di 26 miliardi raggiungendo la notevole quota di 878 miliardi di franchi.
Comunicato stampa in francese e in tedesco

01.02.2012

Depositata l'iniziativa sui salari minimi

Dopo un anno dall'inizio della raccolta di sottoscrizioni, giunte a quota 111 000, l'Unione sindacale svizzera ha depositato l'iniziativa sui salari minimi. Il testo chiede un incoraggiamento dei contratti collettivi di lavoro, ma anche un salario minimo garantito di 22 franchi l'ora, rispettivamente 4000 franchi mensili. Negli ultimi 10-15 anni sono i salari più elevati ad aver conosciuto un'impennata esplosiva. L'USS ritiene che debba essere oggi avviato un nuovo ciclo di aumenti salariali favorevole alle paghe medio-basse. Secondo il presidente dell'USS Paul Rechsteiner, il concetto di salari minimi rappresenta il mezzo più incisivo affinché tutti possano ambire a salari più alti.

01.02.2012

"6 settimane di vacanze per tutti": un'iniziativa controversa

Un'alleanza allargata tra Consiglio federale, Parlamento, diverse associazioni economiche e partiti borghesi compatti, combatte l'iniziativa popolare "6 settimane di vacanze per tutti". L'iniziativa danneggerebbe le PMI, affievolirebbe la competitività e minerebbe posti di lavoro. Per contro, Travail.Suisse, l'organizzazione mantello dei lavoratori che ha lanciato l'iniziativa popolare, sostiene che più vacanze permettono ai lavoratori di recuperare appieno le forze e migliorare la conciliabilità tra vita professionale e familiare, migliorando inoltre il clima sul posto di lavoro.
Approfondimenti: Unione svizzera degli imprenditori/ Travail.Suisse

01.02.2012

VS: salari minimi nell'edilizia

I partner sociali del settore principale della costruzione hanno elaborato un progetto di contratto normale di lavoro obbligatorio che stabilisce i salari minimi in Vallese. Lo scopo di questa proposta (francese) è colmare provvisoriamente la falla convenzionale che dal 1° gennaio scorso preoccupa il settore a livello nazionale. Questa misura è inoltre giustificata dai risultati dei controlli effettuati nel 2011. Il 75% delle aziende straniere che avevano dislocato lavoratori in Vallese, non rispettavano il contratto collettivo di lavoro del settore. Inoltre, l'Ispezione cantonale del lavoro ha constatato ben 62 infrazioni su 120 controlli in materia di lavoro nero.

Integrazione professionale

01.02.2012

Beneficiari dell'assistenza sociale più numerosi nel 2011

In combinazione con i più recenti effetti della crisi economica, l'entrata in vigore della revisione della Legge sull'assicurazione contro la disoccupazione, avvenuta lo scorso aprile, contribuisce all'aumento dei beneficiari dell'assistenza sociale. Secondo un sondaggio (francese) svolto dal quotidiano Sonntag in 14 città svizzero-tedesche, sono già state osservate crescite dall'8 al 10% a Wohlen, Grenchen, Baden e Lucerna. Per il momento la situazione resta stabile nei grandi centri di Zurigo, Berna e Basilea. Il Canton Ginevra, per contro, ha visto la quota di persone richiedenti un aiuto sociale salire del 15%.

01.02.2012

Premio This-Priis per l'impegno a favore delle persone disabili

Il premio This-Priis (tedesco), del valore complessivo di 25 000 franchi, viene conferito alle aziende che si impegnano a favore dell'integrazione delle persone portatrici di handicap. Lo scorso 24 gennaio, il premio è stato consegnato a Zurigo a due ditte che occupano in totale sette interessati. Nel suo team di 93 collaboratori, la Elektro-Material AG di Zurigo impiega quattro persone disabili, mentre la Kägi+Co AG di Winterthur da cinque anni dà lavoro a persone con disturbi psichici o deficit intellettivo. Al premio possono ambire le aziende nell'area di Zurigo in grado d'integrare attivamente, in modo durevole ed efficace persone affette da handicap. Le due aziende nominate rafforzano l'utilità economica delle prestazioni di lavoro delle persone diversamente abili. Oltre a una rendita AI parziale, le aziende versano a questi dipendenti un salario sociale basato sulla prestazione.

01.02.2012

Situazione economica precaria delle famiglie monoparentali

Le famiglie monoparentali sono particolarmente esposte al rischio della precarietà economica. Soprattutto le madri sole dispongono spesso di un reddito molto modesto. È quanto risulta da uno studio commissionato dall'Ufficio federale delle assicurazioni sociali. Un'analisi dei dati fiscali del 2006 del Canton Berna ha ora permesso di studiare in modo più approfondito la situazione dei genitori soli. Mentre sul totale delle economie domestiche senza figli il 10 per cento dispone di un reddito molto modesto, la stessa quota sale al 16 per cento nel caso dei padri soli e addirittura al 30 per cento per le madri sole. La metà delle madri sole dichiara infatti una sostanza inferiore ai 4500 franchi.

Varie

01.02.2012

Collaborazione interistituzionale: bandi di concorso

Fino al 15 marzo 2012, l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali mette a concorso (francese) il progetto di ricerca Les formes de collaboration interinstitutionnelle en Suisse: état des lieux et typologie. L'obiettivo di questo studio è redigere un inventario delle attività CII nei Cantoni, proponendo una panoramica delle loro interfacce tra partner principali (Assicurazione contro la disoccupazione, AI, Assistenza sociale e Formazione professionale). Saranno trattati specificamente tre assi di ricerca: l'integrazione alle persone in cerca di un impiego che beneficiano dell'assistenza sociale, la presa a carico di giovani problematici o per i quali non è possibile trovare una soluzione, e la collaborazione tra assistenza sociale e AI nel quadro di una diagnosi precoce.