Newsletter del 11.09.2013

Notizie di attualità del 11.09.2013

Formazione professionale di base

11.09.2013

Progetto di ottimizzazione delle PQ: stato attuale

Un traguardo di tappa è stato raggiunto nello sviluppo del progetto sull'ottimizzazione delle procedure di qualificazione (francese), in base al mandato della SEFRI. Nella relazione sullo stato attuale del progetto sono presentati strumenti d'informazioni e di sostegno a beneficio delle organizzazioni del mondo del lavoro e dei cantoni. È pure stato elaborato un approccio combinato per il rafforzamento dell'esame orientato alle competenze operative professionali così come per la semplificazione della PQ. La SEFRI verificherà insieme ai partner l'ulteriore elaborazione e applicazione di questa impostazione, per riprenderla, se del caso, in un progetto successivo.

11.09.2013

SEFRI-Newsletter Qualità: Cleantech nella formazione professionale

Il settore Cleantech – efficienza delle risorse ed energie rinnovabili – assume un'importanza decisiva come potenziale d'innovazione e concorrenzialità per l'economia elvetica. Nelle professioni orientate al futuro, sono fortemente richieste competenze nell'ambito del cleantech. Questo presuppone una formazione di forze lavoro qualificate, in sintonia con le attuali esigenze economiche e tecnologiche. L'edizione n° 11 della Newsletter Qualità si focalizza sul concetto di cleantech che può essere promosso attraverso la formazione professionale. Un contributo specialistico presenta a tal proposito i risultati di uno studio condotto su diverse professioni sia AFC che CFP, in funzione dei contenuti della formazione legati al cleantech.

11.09.2013

Ordinanze emanate

La SEFRI ha recentemente emanato le ordinanze di formazione relative alle professioni di falegname AFC e di carpentiere AFC. L'entrata in vigore delle ordinanze è fissata al 1° gennaio 2014, quella della procedura di qualificazione rispettivamente al 1° gennaio 2017 e 1° gennaio 2018. Le versioni stampate potranno essere ordinate tra alcune settimane presso l'Ufficio federale delle costruzioni e la logistica (UFCL) e saranno quindi accessibili sul sito della SEFRI. I piani di formazione potranno essere consultati nel corso del mese d'ottobre sui siti internet della Federazione romanda delle imprese di falegnameria, ebanisteria e carpenteria (FRM) e dell'Associazione svizzera delle imprese di costruzione in legno (Holzbau Schweiz).
La SEFRI ha inoltre emanato la revisione parziale dell'ordinanza sulla formazione di laboratorista AFC e approvato l'attualizzazione del piano di formazione con effetto al 1° gennaio 2014. Aggiornamenti nell'ordinanza: preambolo relativo all'ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, nuova denominazione dell'organo responsabile. Aggiornamento del piano di formazione: revisione di diversi obiettivi di valutazione e adattamento della griglia delle lezioni. La versione stampata dell'ordinanza potrà essere ordinata tra alcune settimane presso l'UFCL e sarà quindi accessibile nell'elenco delle professioni.

11.09.2013

Guida alla formazione per sans-papiers

Dal 1° febbraio 2013, i giovani sans-papiers presenti in Svizzera possono, a certe condizioni, intraprendere una formazione professionale. La Commissione federale per le questioni di migrazione pubblica una guida destinata ai giovani, alle famiglie ed ai datori di lavoro. Essa contiene in particolare le diverse condizioni che devono essere soddisfatte dai giovani che desiderano affrontare una formazione professionale, oltre al testo dell'ordinanza federale sull'ammissione, il soggiorno e l'attività lucrativa.

11.09.2013

Oml: videoclip sulla professione d'orticoltore

"Sono fiero di ciò che produco!": è lo slogan coniato dall'Unione orticola svizzera (VSGP-USM) per il lancio della videoclip creata per promuovere la professione d'orticoltore. I candidati alla formazione professionale non sono infatti numerosi. Solo una quindicina di giovani hanno cominciato la loro formazione ad agosto, a fronte di 70 aziende che offrono posti di formazione in tutto il Paese. Quest'estate, solo venti giovani hanno ottenuto l'attestato federale di capacità, al termine di una formazione di tre anni.

11.09.2013

GE: Serge Baehler, nuovo responsabile della formazione professionale

Il Consiglio di stato ginevrino ha designato Serge Baehler quale direttore alla direzione generale dell'Ufficio per l'orientamento, la formazione professionale e continua. Serge Baehler sarà incaricato dello sviluppo e della promozione della formazione professionale. Succede a Jean-Charles Lathion che si avvarrà del prepensionamento per la fine di ottobre 2013.
Comunicato stampa

11.09.2013

GE: borsa di stage in Africa per sei diplomati AFC

Dall’anno scolastico 2013-14, il Dipartimento ginevrino dell'istruzione pubblica, della cultura e dello sport propone a sei giovani in possesso di un attestato federale di capacità (AFC) di coniugare impegno umanitario e formazione professionale. Una borsa di stage permetterà loro di partecipare alla costruzione di un centro di formazione professionale in Kenia. Potranno così dimostrare, sul campo, le competenze acquisite durante la loro formazione di base, ma anche perfezionare la loro conoscenza della lingua inglese e immergersi negli usi e costumi dei paesi in cui sono ospitati, ciò che favorirà certamente la loro crescita personale.
Ulteriori informazioni

11.09.2013

ZH: validazione degli apprendimenti acquisiti per impiegato in logistica

Zurigo è il primo Cantone svizzero tedesco ad offrire la possibilità di validare gli apprendimenti acquisiti per la professione di impiegato in logistica. La procedura è stata predisposta in stretta collaborazione con l'Associazione svizzera per la formazione professionale in logistica. Il centro di formazione professionale di Dietikon dispenserà i corsi complementari necessari al conseguimento dell'attestato federale di capacità.
Ulteriori informazioni

11.09.2013

ZH: rapporto annuale della commissione della formazione professionale

La Commissione della formazione professionale del Canton Zurigo ha pubblicato per la prima volta un rapporto annuale, nel quale sono illustrati attività e punti focali del fondo cantonale per la formazione professionale. Lo scorso anno sono stati prelevati contributi nell'ordine di 17 milioni di franchi, dagli oltre 12'500 datori di lavoro. Questa somma si è rivelata ben superiore a quanto era stato preventivato.
Comunicato stampa

11.09.2013

Germania: rapporto annuale del BIBB

Il Bundesinstitut für Berufsbildung BIBB ha pubblicato il suo Rapporto annuale 2012/2013. Temi centrali sono le mutazioni demografiche e la diminuzione di lavoratori qualificati, l'orientamento professionale, il miglioramento della permeabilità tra formazione professionale e formazione universitaria, l'introduzione del settore di qualificazione e l'applicazione della legge sul riconoscimento in vigore dal 2012. Nel capitolo "Internazionalizzazione della formazione professionale", si riferisce del credito che mondialmente viene riconosciuto sempre di più al sistema duale della formazione professionale e del suo ruolo decisivo nella lotta alla disoccupazione giovanile in Europa.

Formazione professionale superiore e continua

11.09.2013

Dalle competenze di base alla qualificazione professionale

Il 3 settembre, la Conferenza romanda della formazione continua (CRFC) ha dedicato la sua terza giornata tematica ai dispositivi di formazione professionale specifici per gli adulti. I momenti topici e le prospettive sviluppate nel corso di questa giornata di studio sono illustrati sul sito della CRFC.

11.09.2013

Regolamenti in consultazione

L'Associazione svizzera dei trasporti stradali ha presentato due disegni di regolamento concernenti l’esame di professione di disponente di trasporti e logistica con attestato professionale federale e l'esame professionale superiore di responsabile di trasporto e logistica diplomato-a.
Foglio federale del 10 settembre 2013

Formazione generale e scuole universitarie

11.09.2013

Adottato il concordato sulle scuole universitarie

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione ha approvato il Concordato sulle scuole universitarie. L'accordo intercantonale è la premessa per l’attuazione della Legge federale sull’aiuto alle università e il coordinamento universitario, così come per la cooperazione dei cantoni nei nuovi organi costituiti. È stata inoltre avviata la nuova procedura di ratifica dei singoli cantoni al concordato che entrerà verosimilmente in vigore nel 2015.
Comunicato stampa

11.09.2013

GE: riforma della maturità liceale

Il Gran Consiglio ginevrino ha accolto una mozione che chiede di modificare la struttura della maturità liceale e ridurre le combinazioni possibili tra le diverse opzioni che offrono agli studenti profili molto eterogenei. La mozione postula la creazione di cinque profili, ognuno dei quali sarebbe legato a un numero di opzioni limitato. Il Dipartimento dell'istruzione pubblica, della cultura e dello sport sta studiando da due anni un progetto di riforma. La Tribune de Genève segnala che la Conferenza dei direttori dei collège di Ginevra ha presentato proposte che vanno nella medesima direzione della mozione.

Orientamento

11.09.2013

Rivista Employeur suisse: dossier sulla scelta professionale

Pubblicata dall'Unione svizzera degli imprenditori, la rivista Employeur suisse del mese del settembre 2013 (in francese) propone un dossier sulla scelta della professione. In un primo articolo, Jürg Zellweger evoca il modo in cui i giovani preparano il loro futuro professionale. Un secondo articolo presenta l'azione di associazioni professionali per promuovere l'assunzione di persone in formazione. Un terzo articolo, che si basa sullo studio Juvenir 2.0, rileva che il salario non è il criterio determinante nella scelta di una formazione professionale. Infine, in un ultimo articolo, un giovane in formazione progettista nella tecnica della costruzione auspica una migliore pubblicità per il suo mestiere.

11.09.2013
11.09.2013

SG: tema degli stereotipi nell’esposizione sulla formazione

Nel Canton San Gallo, la promozione della parità è il tema portante dell’evento sulla formazione nella Svizzera orientale, l’esposizione "Tipicamente femminile? – Tipicamente maschile?" L’importanza del ruolo degli stereotipi nella scelta professionale sarà trattata lungo un percorso e attraverso un concorso, per incoraggiare i giovani a riflettere su questi stereotipi.
Comunicato stampa

Mercato del lavoro

11.09.2013

SECO: basso salario non equivale fatalmente a povertà

In prossimità della votazione sui salari minimi, la Commissione del Consiglio degli Stati ha ordinato presso l'amministrazione una relazione sulla situazione dei bassi salari. Secondo uno studio recentemente pubblicato dalla SECO, nel 2006 il 13% delle persone che ricevevano un basso salario, si trovavano in stato di povertà. Erano invece al 33% i working poors che ricevevano un basso salario. Le donne e i giovani adulti (20-29 anni) erano i più esposti al rischio di basso salario. L'80% di loro vivevano in una famiglia di cui almeno un altro membro aveva un reddito da lavoro. In questo contesto, il Consiglio federale sostiene che l'iniziativa "Per la protezione di salari equi" e le proposte alternative, come l'estensione facilitata dei contratti collettivi nazionali di lavoro di lavoro, non sono efficaci.
Articolo della NZZ

11.09.2013

L'USS chiede 100 franchi in più per i salari minimi

Aumento dei salari minimi di 100 franchi e, secondo i rami professionali, aumento dei salari dell’1,5-2%: sono queste le richieste espresse dai sindacati appartenenti all’Unione sindacale svizzera (USS) per le trattative salariali dell’autunno 2013. Nel suo comunicato stampa (francese), l’USS fa riferimento alla buona situazione congiunturale che stanno vivendo numerosi settori dell’economia svizzera. A fianco dell’aumento dei salari minimi, anche i salari destinati alle lavoratrici devono essere sostanzialmente migliorati in modo mirato.

11.09.2013

Svizzera all'avanguardia nella competitività

Per la quinta volta consecutiva, la Svizzera è in vetta alle classifiche mondiali in tema di competitività. Seguono nell’ordine Singapore, Finlandia e Germania. La graduatoria è stilata annualmente dal World Economic Forum (WEF). Il recente comunicato stampa (francese) del WEF illustra i motivi che permettono al nostro Paese di essere ai vertici della competitività mondiale: la stabilità macroeconomica, la trasparenza istituzionale e la dinamica dell’innovazione. Il rapporto del WEF si fonda su indagini svolte tra i dirigenti di imprese importanti.

11.09.2013

URC in rete per la ricerca d’impiego

In 13 cantoni svizzeri, i disoccupati annunciati agli URC ricevono un buono per il codice d’accesso al portale online dell’agenzia per l’impiego Jobagent.ch. L’accesso "premium" permette all’utente alla ricerca di un impiego di accedere a tutte le prestazioni di servizio proposte nella pagina web. In tal modo, viene sostanzialmente migliorata la ricerca elettronica di un posto di lavoro. Secondo quanto asserisce il settimanale basilese Tages Woche, in cantoni specifici come Basilea Città e Lucerna, viene controllato il numero di contatti alla pagina dei rispettivi URC, da parte degli assicurati, allo scopo di verificarne l’effettiva diffusione. Gli uffici cantonali del lavoro hanno reagito alle conseguenti critiche e adottato provvedimenti affinché questi controlli, definiti dalla legge, siano conformi ai dispositivi di protezione dei dati.

11.09.2013

GE: studio sulla disoccupazione

Le riforme attuate dal 2008 dal Dipartimento ginevrino della solidarietà e dell'occupazione hanno dato dei frutti. Dal 2007 al 2012, la durata media annuale della disoccupazione è passata da 344 a 257 giorni. Si è pure ridotto lo scarto del tasso di disoccupazione tra Ginevra e la Svizzera in generale. Dovrà essere sviluppato uno "sportello unico" per i giovani. E dovranno pure essere potenziati la ricollocazione dei senior (adulti oltre i 50 anni) e gli stage di riqualifica in azienda. Inoltre, per chi esaurisce il diritto alle prestazioni di disoccupazione, risultano essere efficaci le allocazioni di ritorno all’occupazione o "gli impieghi di solidarietà".
Comunicato stampa

11.09.2013

OCSE: i mercati del lavoro dopo la crisi

La pubblicazione (francese) "Prospettive dell'occupazione dell'OCSE 2013" descrive l'evoluzione dei diversi gruppi di popolazione sul mercato del lavoro. Occorre incoraggiare i 48 milioni di disoccupati dei Paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) a trovare un impiego. A questo scopo, si analizzano le prestazioni, i servizi per l’occupazione e i programmi occupazionali o formativi di sette Paesi. La situazione dei giovani e degli adulti oltre i 50 anni (senior) rispetto ai mercati del lavoro più difficili, è attentamente osservata, come quella delle cessazioni di impiego involontarie (ristrutturazione, trasferimento e sospensione dell'attività di imprese).

Integrazione professionale

11.09.2013

Il Consiglio federale sostiene la protezione dei lavoratori domestici

Il Consiglio federale ha approvato il messaggio per la ratifica della Convenzione internazionale del 2011 sui lavoratori domestici. Secondo la convenzione, i lavoratori domestici devono beneficiare di un trattamento non meno favorevole di quello riservato ad altri lavoratori. Il testo contiene disposizioni sulle condizioni di vita e di lavoro, come ad esempio l'orario, la retribuzione, la sicurezza e la salute sul lavoro. Nel comunicato stampa, la SECO rileva l’importante passo avanti in favore di determinate categorie di lavoratori domestici, particolarmente vulnerabili a livello sociale ed economico (migranti, giovani o persone che abitano presso il proprio datore di lavoro).

11.09.2013

In aumento il numero dei richiedenti dell’aiuto sociale sopra i 50 anni

Nelle città svizzere, il numero dei casi di aiuto sociale è salito del 25%. Con l’aumento della popolazione, la quota in termini relativi dell’aiuto sociale è rimasta stabile. Questo dato risulta dal rapporto 2012 (francese) dell’associazione nazionale Initiative des villes pour la politique sociale. Un capitolo speciale è dedicato ai richiedenti di aiuto sociale ultracinquantenni, che negli ultimi anni sono cresciuti parecchio numericamente. Questo fenomeno si ricollega ai criteri sempre più selettivi per l’accesso al mercato del lavoro e alle assicurazioni sociali.

11.09.2013

La SUVA in rete sul reinserimento professionale

Insieme all’AI, la SUVA ha lanciato l’"Iniziativa reinserimento professionale". Essa sostiene le persone infortunate, che non possono più riprendere la vecchia professione e non hanno diritto a una riqualificazione finanziata dall'AI. Accanto a informazioni dettagliate sull’iniziativa, il nuovo sito web della SUVA presenta esempi pratici di reinserimento riuscito e l’elenco delle principali pubblicazioni sul tema. La pagina web è destinata in particolare alle aziende disposte a proporre posti di lavoro adatti alle persone che hanno subito un infortunio.

Varie

11.09.2013

CDPE: Christoph Eymann proposto quale nuovo presidente

L’assemblea plenaria della CDPE eleggerà, nella sua prossima seduta del 24 e 25 ottobre 2013, il successore della consigliera di Stato friburghese Isabelle Chassot. Il comitato della CDPE propone quale nuovo presidente, il consigliere di Stato di Basilea-Città Christoph Eymann.

11.09.2013

Congresso specialistico sulla previdenza sociale

Dal 12 al 14 febbraio 2014 si terrà a Olten presso la Scuola universitaria per il lavoro sociale della Svizzera Nordoccidentale, un congresso internazionale sul tema: "Dare forma alla previdenza: cooperazione, relazione, concorrenza". Il congresso sarà organizzato grazie alla collaborazione con l’organizzazione del lavoro internazionale INAS che opera nel management ed economia sociale.
Ulteriori informazioni