01.05.2013

Mercato del lavoro

Precari condizioni di lavoro nell'agricoltura

Le oltre 30'000 persone ufficialmente impiegate nel settore agricolo svizzero provengono perlopiù da Polonia, Bulgaria, Romania, Portogallo o altri Paesi dell’UE. A questi si aggiunge un numero sconosciuto di lavoratori illegali. Secondo uno studio dell’Istituto geografico dell’Università di Zurigo, molti fra questi lavorerebbero in condizioni precarie. I salari, stimati attorno ai 3000 franchi mensili, sarebbero frutto di orari di lavoro dove le 55 ore settimanali o anche di più non costituirebbero un’eccezione. I ricercatori propongono di disciplinare le condizioni di assunzione nell’agricoltura o quantomeno di vincolare i pagamenti diretti della Confederazione a standard minimi sociali.
Comunicato stampa (tedesco)