Newsletter del 16.10.2019

Notizie di attualità del 16.10.2019

Formazione professionale di base

UST: istituzioni di formazione

Pubblicato dall'UST, l'opuscolo "Istituzioni di formazione" (edizione 2019) presenta cifre chiave, grafici e sintesi sull'organizzazione delle scuole secondo il livello di formazione, le dimensioni, l'autorità responsabile e la ripartizione territoriale e linguistica. I dati si riferiscono all'anno scolastico 2017/2018. La pubblicazione è disponibile in italiano, tedesco, francese e inglese.

SwissSkills 2020

L'edizione 2020 degli SwissSkills si terrà a Berna da mercoledì 9 a domenica 13 settembre. La manifestazione prevede 135 professioni differenti (75 delle quali saranno rappresentante ai campionati svizzeri delle professioni) e la partecipazione di 1000 giovani professionisti provenienti dai settori dell'artigianato, dell'industria e dei servizi.

IUFFP: validazione delle competenze pedagogico-professionali e nuovo ciclo di studio bachelor

A partire dall'anno accademico 2020/2021, lo IUFFP offrirà una procedura di validazione (tedesco) basata sull'esposizione assistita delle competenze pedagogico-professionali, quale variante ai cicli di studio attuali. Le conoscenze acquisite nell'ambito di esperienze d'insegnamento informali saranno convalidate secondo il programma quadro d'insegnamento per responsabili della formazione professionale.
Lo scorso mese di settembre allo IUFFP, 20 studenti hanno intrapreso il nuovo Bachelor of Science in formazione professionale e il relativo master (BSc e MSc). Il nuovo BSc è incentrato sulla trasformazione digitale nel mondo professionale.

Verifica della redditività della formazione pedagogico-professionale allo IUFFP

Il Controllo federale delle finanze (CDF) ha effettuato una verifica della formazione pedagogico-professionale allo IUFFP. Dal rapporto emerge che il costo per studente nella Svizzera tedesca è più elevato allo IUPPF che nelle alte scuole pedagogiche. Il CDF precisa tuttavia che i costi esposti mal si prestano a un'analisi comparativa e che non è stato possibile individuare i motivi di queste differenze. Sono state osservate oscillazioni tra le regioni linguistiche anche nel livello di soddisfazione degli studenti.

Approccio metodico alla valutazione delle istituzioni sociali nella formazione professionale

Le istituzioni sociali aiutano a risolvere problemi sociali fondamentali. La formazione professionale risponde a questa esigenza preparando i giovani a un ingresso diretto nella vita professionale. Vi sono pochi dati scientifici su come queste istituzioni possono essere valutate e confrontate. Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) fornisce un contributo alla ricerca su come le istituzioni sociali nella formazione professionale possono essere valutate. Dalle basi teoriche si può complessivamente dedurre che soltanto le istituzioni più solide possono adempiere efficacemente alla propria funzione.

Panissimo: una giornata di stage nei panni di una persona in formazione

L'attività di un'impiegata del commercio al dettaglio non si limita unicamente alla vendita. Si tratta di un mestiere particolarmente impegnativo, che richiede competenze a più livelli, passione e abilità. Così conclude Claudia Vernocchi (francese/tedesco), caporedattrice della rivista Panissimo, dopo essersi calata nei panni di una persona in formazione durante una giornata di stage trascorsa in un panificio di Neuchâtel. Vernocchi si dice impressionata soprattutto dalla gentilezza, l'attenzione e la calma con cui le venditrici rispondono e servono i clienti.

ZH: quale direzione prenderà l'insegnamento bilingue nella formazione professionale?

L'insegnamento bilingue nelle scuole professionali viene offerto dal 1999. Oggi, nel Canton Zurigo, 18 istituti offrono la possibilità di seguire un programma bilingue in 30 professioni nella combinazione inglese / tedesco; ciò significa che una determinata materia viene dispensata in parte in lingua inglese. In occasione dei 20 anni di questa formula, si discuterà sullo sviluppo dell'insegnamento bilingue nella formazione professionale, cercando soprattutto di capire come introdurre questa pratica anche nell'azienda formatrice.

Germania: contratti di tirocinio nel settore sanitario e rapporto annuale del BIBB

L'Istituto federale tedesco per la formazione professionale (BIBB) ha elaborato raccomandazioni concrete per la stesura dei contratti di collaborazione nella formazione professionale sanitaria ai sensi della relativa legislazione. La pubblicazione ha lo scopo di sostenere gli istituti di cura, gli ospedali e le scuole che, dal 2020, saranno attivi nell'ambito delle nuove formazioni sanitarie.
Il rapporto annuale 2018 del BIBB può essere scaricato gratuitamente.

Formazione professionale superiore e continua

Regolamenti d'esame in consultazione

Le associazioni professionali competenti hanno presentato alla SEFRI i disegni di modifica di regolamento concernenti gli esami di professione di progettista in falegnameria e responsabile della produzione in falegnameria con attestato professionale federale.
Foglio federale del 1° ottobre 2019

Attività di formazione continua delle imprese svizzere

Dal 2011, ogni cinque anni l'UST raccoglie i dati relativi agli sforzi di formazione continua delle aziende svizzere e li sintetizza nella "statistica della formazione di base e continua". I dati più attuali riguardano il 2015 e sono stati pubblicati nell'autunno 2017. I risultati si basano su un sondaggio scritto, svolto su un campione rappresentativo di circa 4000 imprese con almeno dieci collaboratori.
Ulteriori informazioni

TI: scoprire le competenze di base viaggiando

In occasione della Giornata internazionale dell'alfabetizzazione, tenutasi lo scorso 8 settembre in una corsa speciale degli autopostali da Breganzona a La Filanda di Mendrisio, la Divisione della formazione professionale ha presentato quattro videoclip, poi proiettati per le tre settimane successive sugli schermi degli autopostali di linea ticinesi. Nei video appare il numero verde gratuito 0800 47 47 47, destinato a chi intende migliorare le proprie competenze di base nella lettura, nella scrittura, nel calcolo e nell'uso delle tecnologie digitali.

Formazione generale e scuole universitarie

Studenti internazionali in Svizzera

Nel 2017, il 72% degli studenti stranieri registrati in Svizzera proveniva dall'Europa continentale, come indica il rapporto dell'OCSE "Regards sur l'éducation 2019". Inoltre, l'11% degli studenti in mobilità proveniva dall'Asia, il 5% dall'Africa, il 4% dal Sudamerica e il 3% dal Nordamerica. I dati mostrano a che punto la mobilità a fini di studio dipenda da fattori quali la lingua, la vicinanza geografica, le relazioni bilaterali e le condizioni quadro politiche (ad es. lo spazio europeo dell'educazione).

Ricerca sull'istruzione pubblica – Nuove prospettive

L'edizione di settembre 2019 di horizons / horizonte, la rivista delle Accademie svizzere delle scienze, consacra un dossier alla ricerca sull'istruzione pubblica, che si trova in piena evoluzione. Il dossier (francese/tedesco) propone inoltre un bilancio delle trasformazioni del sistema educativo svizzero dopo 50 anni di riforme.

NE: sport ed economia combinati in un bachelor

Dall'anno accademico 2019, la Facoltà di scienze economiche dell'Università di Neuchâtel ha introdotto due bachelor interdisciplinari, che combinano le scienze e le pratiche sportive con l'economia o il management. Il primo prepara all'insegnamento dello sport o alla gestione, all'organizzazione e al coordinamento di attività, competizioni e altri eventi sportivi. Il secondo prepara invece a funzioni di responsabilità nel management e nel marketing dello sport, presso club, imprese di produzione e servizi o altri organi. I due cicli di studio sono offerti in francese e inglese.

Orientamento

Professioni a metà strada tra ecologia e digitale

L'edizione 3/2019 di Technoscope (francese/tedesco), la newsletter dell'Accademia svizzera delle scienze tecniche, è dedicata al tema dell'ambiente nell'era digitale. Uno degli articoli segnala percorsi formativi e di carriera professionale che combinano l'ecologia e l'informatica. Esistono offerte a tutti i livelli di formazione in diversi settori tecnico-scientifici e campi professionali (energia, materiali, produzione, costruzione, gestione dei rifiuti, sensibilizzazione del pubblico, ecc.). L'articolo rinvia al sito ecoprofessions.ch (francese/tedesco) e alle tavole sinottiche relative alla ricerca nel settore ambientale.

Questionario: Che tipo di scienziato sei?

Oggi una lunga lista di pubblicazioni non basta più per farsi strada nel settore della ricerca. I profili dei ricercatori si distinguono in maniera determinante. Le università e gli istituti di finanziamento valutano in egual modo la formazione conseguita, l'ambito della comunicazione scientifica, le attività svolte nell'open science e l'impegno civico. Nell'edizione di settembre 2019 (pagg. 25-28), la rivista horizons / horizonte, delle Accademie svizzere delle scienze, propone un questionario che permette ai ricercatori di scoprire il loro profilo: educatore, generoso, purista, concreto, diplomatico, innovatore, carrierista o comunicativo. Il questionario si trova anche online (francese/tedesco).

Una ripartizione moderna dei ruoli rende i genitori più soddisfatti

Una sempre maggiore equivalenza tra il ruolo della donna e quello dell'uomo ha conseguenze positive sui genitori. Grazie a una crescente libertà di scelta tra genitorialità e vita professionale, e alla possibilità di gestire individualmente la cura dei figli, le madri e i padri odierni sono più soddisfatti della loro vita rispetto a quanto succedeva 20 o 30 fa. Queste sono le conclusioni di uno studio condotto all'Università di Zurigo.

FR: nuova ambasciatrice dell'orientamento per i giovani

Dopo il giocatore di hockey Nathan Marchon, la sciatrice freestyle Mathilde Gremaud diventa la nuova ambasciatrice dell'orientamento professionale per i giovani friburghesi. La serie di videoclip "Pars en stage avec Mathilde Gremaud" introdurrà gli allievi del ciclo di orientamento a un ampio ventaglio di professioni, cominciando da quella dei polimeccanici. Sull'esempio della sportiva 19enne, le ragazze potranno proiettarsi più verosimilmente in professioni considerate tendenzialmente maschili. I video sono condivisi su Facebook, Snapchat, LinkedIn e Instagram.
Ulteriori informazioni

Mercato del lavoro

La carenza di manodopera qualificata si è ulteriormente aggravata

Nel 2018 la penuria di personale specializzato ha raggiungo livelli record (116 punti, ovvero 6 in più rispetto all'anno precedente), come rivela l'indice 2019 (tedesco) pubblicato dalla società di consulenza B,S,S. L'indice presenta quattro indicatori. L'aumento più recente si spiega principalmente per due ragioni: sono stati annunciati più posti di lavoro vacanti e il tasso di disoccupazione è sceso. Le differenze regionali sono sorprendenti: in alcune regioni della Svizzera romanda (Neuchâtel e Giura) e del Canton Ticino, i punteggi dell'indice risultano inferiori al valore di riferimento 100, mentre sono nettamente superiori per la Svizzera centrale e orientale. Questo denota una situazione particolarmente tesa per quanto riguarda la manodopera qualificata.

UST: numero record di attivi grazie all'immigrazione

Nel 2018 la popolazione attiva in Svizzera è aumentata dello 0,7%, passando dai 5,268 milioni registrati all'inizio dell'anno ai 5,306 milioni rilevati alla fine del 2018. La crescita è stata più sostenuta tra la popolazione femminile che tra quella maschile. L'immigrazione ha contribuito nella misura del 78% all'aumento totale della popolazione attiva (160'000 immigranti, 130'000 emigranti). È quanto risulta dai conti globali del mercato del lavoro dell'UST, che consentono di rilevare la dinamica del mercato del lavoro, evidenziando le transizioni individuali tra attività professionale, disoccupazione e inattività.

Rapporto dell'OIL: i "piccoli" creano gran parte dei posti di lavoro nel mondo

I lavoratori indipendenti e le piccole imprese ricoprono un ruolo più importante nella creazione di posti di lavoro di quanto si pensasse finora. Sette lavoratori su dieci nel mondo sono infatti indipendenti o salariati da una piccola impresa (meno di 50 dipendenti). Questo è il risultato principale ottenuto nel quadro di uno studio che l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) ha condotto in 99 paesi (rapporto in inglese con sintesi in francese). L'OIL giudica le conseguenze di questa constatazione "estremamente importanti" per le politiche di sostegno al lavoro e alle imprese: le autorità dovrebbero incrementare i loro sforzi a favore di queste piccole unità economiche.
Comunicato stampa (francese/inglese/spagnolo)

Studio sulla registrazione del tempo di lavoro

Chi rinuncia a registrare il proprio tempo di lavoro presta più ore di servizio (in media 45,6 ore alla settimana rispetto alle 39,6 ore di chi registra sistematicamente il tempo di lavoro). Nelle aziende che hanno introdotto misure di accompagnamento, la salute di queste persone non ne risente rispetto a chi registra sistematicamente il tempo di lavoro, né il loro carico di stress è superiore. Lo afferma uno studio dell'Università di Ginevra – condotto su mandato della SECO – che ha valutato l'impatto di tali misure.
Comunicato stampa

Integrazione professionale

Nuova associazione per gli esami professionali di accompagnatore/trice socioprofessionale e Job Coach

Il 12 settembre 2019 ha avuto luogo l'assemblea costitutiva dell'associazione responsabile degli attestati professionali di accompagnatore/trice socioprofessionale e Job Coach. L'associazione si compone di sette organizzazioni. L'elaborazione dei regolamenti d'esame e delle relative direttive è nella fase finale. I documenti dovrebbero essere approvati dalla SEFRI nel primo trimestre del 2020.
Ulteriori informazioni (francese/tedesco)

Rivista della COSAS: dossier sulla gestione dei casi in seno ai servizi sociali

Aumento dei casi, basi legali più complesse, controlli rafforzati: il compito dei professionisti dei servizi sociali è diventato più difficile. Come gestire al meglio i casi e le risorse in questa situazione? Il numero 3/2019 della rivista ZESO (francese/tedesco) cerca di rispondere a questa domanda in un apposito dossier. La pubblicazione propone inoltre un articolo sulla prestazione transitoria per i disoccupati over 60, nonché un'intervista di Sylvie Durrer, direttrice dell'Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo.

Madri nubili e aiuto sociale: testimonianze e cifre

Il fatto di avere figli aumenta il rischio di dipendere dall'aiuto sociale, soprattutto per le famiglie monoparentali. Nell'ambito di una serie di articoli sulla povertà in Svizzera, swissinfo.ch pubblica un'intervista con una delle molte madri nubili che beneficiano dell'aiuto sociale. L'interpellata evidenzia una falla nel sistema: a causa dell'effetto soglia, non può far fronte ai costi di custodia dei figli senza l'aiuto sociale, nonostante un impiego a tempo parziale, gli alimenti e gli assegni familiari. L'articolo fornisce inoltre cifre chiave pubblicate dalla COSAS.

FR: una piattaforma quale ponte tra rifugiati e aziende

Da giugno 2019 il Canton Friburgo mette a disposizione la piattaforma frintegration.ch, che funge da punto d'incontro tra aziende e rifugiati in cerca di lavoro. Le aziende hanno la possibilità di consultare online i dossier di rifugiati autorizzati a lavorare e annunciare direttamente posti di lavoro, di formazione o di stage. La piattaforma è frutto di una collaborazione tra la Direzione cantonale della sanità e degli affari sociali e il mondo economico friburghese.
Ulteriori informazioni: asile.ch